Perizia psichiatrica per Marine Le Pen Solidarietà di Salvini

Ausiliatrice Cristiano
Settembre 21, 2018

"Solidarietà di Fratelli d'Italia a Marine Le Pen: se c'è qualcuno che deve essere sottoposto ad una perizia psichiatrica è la magistratura francese, non chi come Marine ha denunciato il pericolo del terrorismo islamico pubblicando le foto delle esecuzioni dell'Isis", ha twittato Meloni. Rea di avere pubblicato via twitter le foto delle esecuzioni dello Stato islamico. Ad annunciarlo è stata la stessa presidente del Rassemblement National (ex Front National) che ha subito precisato di non avere intenzione di acconsentire all'esame: "Voglio proprio vedere come i magistrati intendano convincermi", si domanda.

In caso di condanna la parlamentare rischia fino a tre anni di carcere e 75mila euro di multa. E comporta, automaticamente, sempre secondo il codice penale, che le persone perseguite per quei tipi di reati vengano anche sottoposte a una perizia medica. Una vicenda che sta facendo discutere, con Marine Le Pen che ha voluto denunciare ai suoi elettori la situazione in cui si trova coinvolta.

"È allucinante, ormai viviamo in un regime che comincia a far paura" ha dichiarato Le Pen dopo aver appreso la decisione dei magistrati.

Marine Le Pen dovrà sottoporsi a una perizia psichiatrica. La prima reazione dall'Italia arriva dal leader della Lega Matteo Salvini - storico alleato della rappresentante dell'estrema destra francese -, che su Facebook ha espresso solidarietà. Ma la decisione del tribunale è stata criticata anche dal leader della sinistra Jean-Luc Mélenchon che ha detto di essere in totale disaccordo con la "psichiatrizzazione della decisione politica" perché Le Pen "è politicamente responsabile delle proprie azioni": non tutti i mezzi per combatterla sono "buoni o accettabili" e "non è con tali metodi che l'estrema destra verrà fatta regredire". Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha commentato: "Una procura ordina una perizia psichiatrica per Marine Le Pen".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE