Kim e Moon si stringono la mano, l'accordo c'è

Bruno Cirelli
Settembre 21, 2018

Un primo accordo, "per ridurre le tensioni", è stato firmato a Pyongyang dal leader nordcoreano Kim Jong-un e dal presidente sudcoreano Moon Jae-in.

Moon è arrivato stamani a Pyongyang, accolto con entusiasmo dal leader nordcoreano, I due si sono abbracciati e, accolti da una studiata coreografia, si sono poi spostati presso il quartrier generale del Comitato centrale del Partito dei lavoratori di Corea, dove s'è tenuto il primo ciclo di colloqui.

Le due Coree hanno concordato "per la prima volta su passi specifici per la denuclearizzazione" che includono la chiusura "permanente" della sito di processamento dell'uranio di Yongbyon, ha spiegato Moon. Durante il vertice Kim ha annunciato che "nel prossimo futuro" si recherà a Seul per una visita storica e che chiuderà in modo permanente il sito di test missilistici a Tongchang-ri. Come? Anzitutto con il sostegno della sua nazione, che da anni si sente in balia degli umori di Pyongyang e che desidera ardentemente la pace.

Quello che forse dall'esterno non si vede è che sulla Penisola coreana non si stano confrontando tre attori guidati da interessi e strategie diverse, quanto leader che non riescono a dialogare utilizzando la stessa lingua. Il presidente sudcoreano si trattiene al Nord per tre ore.

Continuano a distendersi i rapporti tra la Corea del Nord e quella del Sud.

Le ultime novità che arrivano dalla Corea del Nord sono state seguite con molta attenzione da Donald Trump. Un segnale di distensione? Corea del Nord e del Sud si candideranno anche per ospitare insieme l'Olimpiade estiva del 2032.

Il presidente della Corea del Sud ha capito che gli Stati Uniti, anche per una questione di credibilità, non vogliono cedere ne' sulla denuclearizzazione ne' sulle sanzioni, mentre la Corea del Nord potrebbe essere disposta a fare concessioni importanti a fronte di una revisione graduale e progressiva della linea americana.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE