Tifone Mangkhut, in 100 sepolti in una miniera nelle Filippine

Bruno Cirelli
Settembre 19, 2018

L'osservatorio meteo di Hong Kong ha riferito che il tifone si è leggermente indebolito, ma la sua forza e la violenza delle sue piogge continuano ad essere potenzialmente devastanti. Il video - Dopo le Filippine, il tifone Mangkhut prosegue la sua marcia verso la Cina lasciando dietro di se una scia di morte e devastazione, oltre che milioni di persone evacuate.

Il passaggio di Mangkhut nelle Filippine ha coinvolto direttamente oltre mezzo milione di persone e in 155mila ancora rimangono chiusi nei rifugi e nei centri di emergenza. Nelle Filippine è in corso la stima dei danni. Come purtroppo previsto dagli esperti, a causare numerose vittime sono state le frane provocate dalle piogge torrenziali, con almeno venti persone morte nella regione di Cordillera e altre quattro in Nueva Vizcaya. Per molte ore non è stato possibile verificare l'entità effettiva dei danni, perché il tifone aveva messo fuori uso le infrastrutture elettriche di ben sette province e ne aveva bloccato i collegamenti. Secondo i meteorologi, si tratta della tempesta più potente di quest'anno nel mondo.

Qualcosa di simile accadde anche durante il passaggio del tifone Hato, circa un anno fa. Mangkhut si è abbattuto nella provincia di Cagayan, 382 chilometri a nord di Manila, flagellando la zona con venti di 205 chilometri all'ora e raffiche che arrivavano fino a 285 km/h.

Hong Kong flagellato dal tifone Mangkhut: esplodono finestre, crollano impalcature ed alberi.

Rimane alta l'allerta - A Hong Kong - dove i feriti sono centinaia - rimane comunque alta l'allerta. Più di 6mila passeggeri sono stati bloccati in diversi porti marittimi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE