Sputo di Douglas Costa, Di Francesco furioso: "Federico da vittima a colpevole"

Ausiliatrice Cristiano
Settembre 19, 2018

Il riferimento è alla domanda che un po' tutti si sono chiesti, una volta metabolizzate la gomitata, la testata e lo sputo di Douglas Costa a Di Francesco: ma cosa avrà mai detto l'ex bolognese al brasiliano per indurlo a una reazione così veemente e spropositata, sotto l'occhio vigile delle telecamere e pure dell'arbitro?

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: "Se il problema della Roma è di testa, domani i giallorossi potrebbero fare una bella partita. N'Zonzi è un giocatore lento ma è una sua caratteristica, è molto fisico e penso che insieme a De Rossi possa dare fisicità a centrocampo". "Chiunque avrebbe reagito in maniera differente, lui invece è stato un grande uomo e io sono orgoglioso come padre - aggiunge - L'unico a non aver avuto le scuse è stato lui, ed è assurdo". Anche con i ragazzi parliamo tanto di questo, dobbiamo lavorare meglio. "Un giocatore che ha tante qualità è Sergio Ramos, perché sa fare tutti i ruoli, dalla difesa fino all'attacco".

Sulla Roma più o meno forte dell'anno scorso: "E' ovvio che le aspettative sono alte ma i primi a crederci dobbiamo essere noi".

Sulle possibili sorprese: "Potrei sorprendere tutti, ma non lo dirò". Non so se questo Real è meglio o peggio: a me piace, e Asensio che ha sostituito Ronaldo mi piace tantissimo, è il futuro del Real anche se non è Ronaldo per caratteristiche.

Brych, internazionale dal 2007, ha diretto la Juve in altre 5 occasioni e non evoca dolci ricordi visto che era proprio lui a dirigere la finale di Cardiff del 2018 tra la Juventus e il Real Madrid, terminata 4-1 per i blancos. "Ronaldo è stato sostituito più che degnamente". Nzonzi mezzala ci può stare, può accadere anche domani, ma sempre con l'atteggiamento aggressivo. "La mentalità però non deve spostarsi, dobbiamo restare corti e aggressivi". Perotti andrà in panchina. Ha grande istinto, farà bene in futuro. Mi aspetto una Roma un pochino più energica.

Piovono comunque i "vattene" sui social network, diretti al colpevole di turno tra chi ha rivoluzionato una semifinalista della Champions e chi non ha saputo dargli un'identità. "Abbiamo fatto qualcosa di straordinario ed è quello per cui giochiamo e lavoriamo".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE