Macron bullizza un disoccupato: "Se attraverso la strada un lavoro te lo trovo io"

Paterniano Del Favero
Settembre 19, 2018

Venerdì la presidenza della Repubblica francese ha aperto un negozio di souvenir ispirati alla tradizione repubblicana francese e al suo attuale presidente, Emmanuel Macron. "Se sei pronto e motivato, nella ristorazione, nel settore alberghiero e nell'edilizia non c'è un posto dove io vada e non cerchino personale", ha insistito Macron tra l'evidente imbarazzo del ragazzo in visita ai giardini dell'Eliseo per l'apertura al pubblico. Le telecamere lo hanno seguito puntualmente, anche quando a rivolgerli una domanda è stato un corpulento giovane agricoltore disoccupato: "ho 25 anni - ha detto a Macron - continuo a mandare curriculum e lettere di motivazione, non mi rispondono mai". In tre giorni, la vendita di tazze con la faccia del presidente e braccialetti con il tricolore ha fruttato 350 mila euro, che saranno destinati al restauro del palazzo presidenziale. Neanche uno! Hotel, bar, ristoranti. "Attraverso la strada e glielo trovo un lavoro!" ha aggiunto Macron, accompagnando la frase con un gesto del braccio ad indicare i dintorni.

Un'affermazione, quella del "presidente dei ricchi", che ha generato parecchie critiche soprattutto dalla sinistra radicale.

"È un disprezzo di casta inaccettabile", sostiene invece il deputato della France Insoumise Eric Coquerel.

Lo scorso 30 agosto, in visita in Danimarca, Macron aveva suscitato un vespaio definendo i suoi connazionali "Galli refrattari a ogni cambiamento". Nell'ottobre 2017 accusò gli operai in agitazione nella Correze di "fare solo casino", dopo che un mese prima - in un discorso ad Atene - definì chi si oppone alle riforme un "fannullone".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE