Milano, apre Starbucks: è la prima Reserve Roastery d'Europa

Paterniano Del Favero
Settembre 13, 2018

Felicissimo per l'apertura anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala: "Prima l'apertura del negozio Apple, ora quella di Starbucks: sono un segno che Milano ha una forte capacità di attrarre le imprese straniere e -ha dichiarato il primo cittadino meneghino a "Il Corriere della Sera"- questo significa investimenti, occupazione e crescita con l'aumento del turismo, l'arrivo di studenti da tutti i Paesi". Il colosso di Seattle con centinaia di punti in tutto il mondo è giunto anche da noi, ma hanno fatto le cose un po' diversamente per rendere omaggio al nostro espresso. "Non vogliamo insegnare niente a nessuno - ha detto il chairman emerito presentando lo spazio di 2.300 metri quadrati realizzato all'interno dello storico palazzo che un tempo ospitava le Poste, in Piazza Cordusio -".

Starbucks a Milano, porte aperte. Per i veri amanti del caffè Starbucks a Milano offre delle degustazioni.

Sta facendo il giro del web la dedica che Tiziano Ferro ha fatto via social alla sua amica Belen Rodriguez. A sottolinearlo è l'Unione nazionale consumatori, che fa notare come il caffè venga venduto a 1,80 euro, l'americano a 3,50 e il cappuccino a un euro in più.

Dopo l'espansione avvenuta in quasi tutto il mondo, Starbucks è arrivato anche in Italia [VIDEO]. "Secondo gli ultimi dati ufficiali disponibili dell'osservatorio prezzi e tariffe del ministero dello sviluppo economico - ha sottolineato Dona - in media il caffè espresso a Milano costa 1 euro, 1,10 euro la quotazione massima".

Il caffè di Starbucks? Ma soprattutto ovunque a Milano regnano ciambelle glassate, muffin e cookies, addirittura c'è il taiwanese bubble tea, che sarebbe tè - nero o verde - con l'aggiunta di palline che esplodono in bocca.

Tra i vari interventi sulla pagina social non sono mancati attacchi contro Starbucks, definito un ritrovo per "turisti addormentati", ma c'è anche chi ha difeso la catena, mettendone in luce le novità rispetto alle torrefazioni classiche.

Se sfortunatamente vi recate da Starbucks da soli e volete un classico caffè filtro, sappiate che una tazza di pour over varia tra i 5 e gli 8 euro, in base alla quantità e alla concentrazione del caffè che sceglierete.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE