Motociclismo, la Mv Agusta di Varese scarica Fenati: "Non ci rappresenta"

Rufina Vignone
Settembre 12, 2018

Durante il Gp di San Marino e della Riviera di Rimini della Moto2, Fenati ha pinzato la leva del freno della moto di Stefano Manzi, mettendo in serio pericolo l'incolumità del collega riminese. Per sempre! Non è più il mio mondo. A questo si sono aggiunte le aspre critiche del paddock ma soprattutto dei milioni di tifosi e appassionati che hanno preso d'assalto le pagine social, contestando il suo comportamento e in alcuni insultandolo e minacciandolo anche di morte. Mi ha attaccato tre volte - racconta il 22enne - e anche lui avrebbe potuto uccidermi, come dite voi. L'ultima volta lo aveva fatto 500 metri prima, allora ho pensato: adesso faccio lo stesso, ti dimostro che posso essere 'cattivo' come te - ha proseguito - E magari finalmente capirai cosa significa. "Ma giuro di non aver mai voluto fargli male".

E sul futuro: "Per un po' lavorerò nei negozi di ferramenta del nonno, con lui e la mamma". E poi ho un progetto ad Ascoli di cui però non voglio parlare. Io sono sempre sceso in pista per vincere.

AGGIORNAMENTO "Mv Agusta non intende essere rappresentata da Fenati per il 2019, l'anno che vedrà il ritorno della Casa varesina nelle massime competizioni sportive, in particolare nel Mondiale Moto2". "Chiedo scusa a tutto il mondo sportivo".

"Non avrei dovuto reagire alle provocazioni -aggiunge il pilota marchigiano su Facebook-". A mente fredda dico che non voglio tornare a correre.

Lo spagnolo invoca una seconda e, se necessario, anche una terza opportunità, per Fenati, ma ne traccia anche un profilo di avversario leale e sportivo, che invita a non arrendersi neanche di fronte a questo momento nero. Diciamo che non sono stato un vero uomo, va bene? - confessa - Ho sbagliato - ribadisce - ne pago le conseguenze: mi arrendo, avete vinto. Già nel 2015, quando correva per la scuderia del Dottore, Romano Fenati fece parlare di sé: nel warm up del Gran Premio di Rio Hondo in Argentina tirò infatti un calcio con il piede destro a Niklas Ajo, la discussione in pista fra i due proseguì e, mentre i piloti erano fermi per provare la partenza, l'italiano spense la moto al pilota finlandese. Non ci si può fare niente. "Ora avrò tempo per riflettere e schiarirmi le idee", conclude Fenati.

Romano Fenati e il Motomondiale?

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE