Vaiolo delle scimmie, confermato il primo caso in Europa: è allerta contagio

Barsaba Taglieri
Settembre 11, 2018

In Europa, in particolare in Gran Bretagna, è stato riscontrato il primo caso di vaiolo delle scimmie.

"La notizia del caso importato in Europa - aggiunge - rappresenta tuttavia una ulteriore testimonianza di come viaggi in aereo possano portare in poche ore malattie della foresta profonda alle grandi città del mondo industrializzato". La rara malattia virale sarebbe stata riscontrata sabato scorso in un ufficiale della Marina nigeriana di stanza presso una base navale in Cornovaglia. I dottori che hanno effettuato le prime visite sull'ufficiale credono che quest'ultimo sia stato contagiato quando si trovava ancora in Nigeria, dove la malattia è endemica. Il vaiolo delle scimmie è un virus simile al vaiolo ma non altrettanto letale, i casi di mortalità variano dall'1 al 10%, la maggior parte delle persone riescono a guarire, ma in alcuni casi può anche uccidere. L'uomo è stato ricoverato nel reparto di malattie infettive del Royal Free Hospital di Londra, dove sono state messe in atto severe procedure di isolamento. Fra i sintomi iniziali: febbre, dolori muscolari e alla schiena, mal di testa, linfonodi gonfi, spossatezza. In un secondo tempo si manifesta un rush cutaneo, con bolle che compaiono inizialmente sul viso, prima di propagarsi sul resto del corpo. "Una rete attiva di specialisti in grado di riconoscere questa ed altre malattie infettive emergenti costituisce un irrinunciabile strumento di protezione per la popolazione tutta".

Il virus del vaiolo, nella sua forma principale (variola major) risulta eradicato in tutto il pianeta dal 1979 grazie ad una capillare campagna di vaccinazione. Il ministero della salute sta procedendo con i dovuti controlli di tutte le persone venute a contatto con il malato.

La malattia, identificata per la prima volta nell'uomo nel 1970, nella Repubblica Democratica del Congo, si è poi diffusa nel continente africano, attraverso scimmie infette, ma anche scoiattoli e altri roditori.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE