A Milano apre il primo Starbucks d'Italia, con alcune sorprese

Paterniano Del Favero
Settembre 9, 2018

Un evento atteso per tutti i fan di "frappuccino" e "mocaccino".

Indipendentemente dalle possibili letture, dall'affinità e rispondenza ai gusti individuali, lo Starbucks milanese sembra registrare e proporre un nuovo standard per i locali pubblici, in particolare per lo storico caffè, non diversamente da come era accaduto anni fa, ad esempio, con Eataly per la grande distribuzione food. Anche l'Italia ha il suo primo mocastore della "Medusa" americana. Apre a Milano, domani, in piazza Cordusio, a due passi dal Duomo e dal Castello Sforzesco. Come raccontano i primi curiosi che hanno varcato la soglia, r icorda la magica fabbrica di cioccolato del film "Willy Wonka" di Tim Burton, tutto ispirato ai racconti visionari di Roald Dahl. Tra i presenti anche il presidente di Starbucks Europa, Medio Oriente e Africa, Martin Brok, che ha offerto ai clienti in coda caffé caldo per accompagnare la lunga attesa. Il protagonista della roastery è il caffè, che viene lavorato in ogni sua fase nel locale al cui centro campeggia una grande macchina tostatrice. Ma le loro aspettative sono state, almeno in parte, deluse: il tempo di un selfie e di una domanda ai commessi, e sono stati in breve tempo allontanati dall'organizzazione per permettere la preparazione del party esclusivo che ha blindato la piazza al traffico automobilistico e pedonale. Se Schultz non ha aperto finora è perché, tendenzialmente, la produttività del lavoro nei nostri bar è superiore, il caffè è migliore e a prezzi più contenuti. Il primo bar italiano della nota catena si distingue infatti per i prezzi "poco italiani". Inaugurato il 6 settembre e aperto ufficialmente al pubblico venerdì 7 settembre, ha catalizzato l'attenzione degli utenti di Twitter in Italia che hanno utilizzato l'hashtag #StarbucksMilano circa 8.000 volte, facendolo arrivare in vetta alla classifica dei trending topic e con una portata potenziale in termini di visualizzazioni pari a 46,9 milioni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE