Cagliari, l'Assl ai cacciatori: "Portano la Febbre del Nilo, uccidete le cornacchie"

Barsaba Taglieri
Settembre 3, 2018

Gli effetti della Febbre del Nilo secondo alcuni studi, sono mortali solo per persone molto anziane o il cui organismo è già seriamente compromesso da altre patologie.

Dopo il periodo di incubazione della malattia che può durare anche diversi giorni, la scorsa settimana la donna è stata colpita dai primi sintomi, in particolare da una febbre alta che, nonostante le tradizionali cure antipiretiche, non accennava a scendere. Per più dell'80% dei casi si accusano i classici sintomi da influenza.

Diagnosticata l'encefalite, gli operatori sanitari hanno ritenuto possibile che l'anziano, fosse colpito anche dall'infezione da West Nile. Le operazioni prenderanno il via intorno alle sei della mattina di lunedì.

"Partiamo dal presupposto che la situazione è assolutamente sotto controllo - spiega il vicegovernatore - ma occorre la collaborazione di tutti per condividere la cultura della salute che, necessariamente e opportunamente, ha il suo primo caposaldo nella prevenzione". Le previsioni meteo di ieri che davano pioggia nella zona, hanno costretto a sospendere e rinviare l'intervento, già affidato a una ditta specializzata, che sarà attuato con un sorta di porta a porta, teso a valutare le singole realtà abitative presenti. Nel territorio provinciale di Forlì-Cesena i casi gravi sono stati 2. "Le tecniche che abbiamo sviluppato in oltre trent'anni di attività, si muovono in questa direzione e nel solco dell'intuizione originaria dei fondatori di CAA, cioè dare sempre più valore alla gestione ambientale per migliorare salute e qualità della vita delle nostre comunità".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE