Ponte Morandi: Di Maio, nazionalizziamo Autostrade, fuori Benetton

Paterniano Del Favero
Agosto 30, 2018

"Da oggi, con dieci anni di ritardo - ha scritto il vice premier sul Blog delle Stelle - gli italiani sanno che la concessione di autostrade ai Benetton è stata un regalo clamoroso che ha consentito loro di fare gli imprenditori non con il loro capitale, ma con quello dei cittadini".

IL VOSTRO UNICO COLORE E' IL ROSSO DEL SANGUE DELLE VITTIME DI GENOVA, questo il messaggi affisso dai militanti torinesi di Forza Nuova al negozio della Benetton nel centro di Torino, un invito a boicottare il patron di Autostrade per l'Italia nel nome e nel ricordo delle vittime del 14 agosto causate dal crollo del Ponte Morandi a Genova. Il Corriere gli chiede allora se ha mai fotografato anche Salvini e lui replica: "Mio padre ha fotografato Mussolini a piazzale Loreto, chissà dove fotograferò io Salvini".

Lacune in storia dell'arte a parte, il fotografo continua a parlare di Di Maio e descrive l'impressione suscitatagli: "Parla bene, è molto più fresco di quelli tristi che c'erano prima". Di Maio è un pivello. Ci siamo dati del tu. Poi il racconto della visita al ministero per fotografare Di Maio: "Una persona molto civile, saluta: 'Ciao ciao'".

L'altra colpa dei Benetton - osserva il direttore del Fatto Quotidiano - è di aver fatto "due festini a Cortina a poche ore dalla tragedia", di aver tenuto una "conferenza stampa-farsa" e di aver richiesto i danni al governo Conte per le critiche alla loro malagestione del ponte crollato. Mi ha detto: 'Interessante'. "Ho notato che non ha una grande cultura artistica". C'era un quadro di Depero in ufficio e non sapeva neanche chi fosse.

In questo caso forse Oliviero Toscani è stato più cauto, dal momento che è meno esplicita l'accusa nei suoi confronti. Ma la società tira dritto e si prepara a presentare il piano di abbattimento e ricostruzione, mentre per venerdì sono convocati i cda di Aspi e della controllante Atlantia. Io sono un testimone del mio tempo, fotografo tutto: dalle donne più belle alle merde più belle. "Ci ho pure fatto un libro".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE