Vuoi vivere più a lungo? Consuma carboidrati (ma senza esagerare)

Barsaba Taglieri
Agosto 20, 2018

DIETE in cui si eliminano quasi completamente i carboidrati per perdere velocemente i chili di troppo.

I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 15.400 persone che avevano partecipato allo studio sul rischio aterosclerotico. È quanto ha stabilito una ricerca del Brigham and Women's Hospital di Boston pubblicata su The Lancet Public Health.

Da tutte queste informazioni Seidelmann e colleghi hanno stimato le percentuali di proteine, carboidrati, grassi e zuccheri consumati dai 15mila partecipanti, e incrociando questi dati con quelli dei decessi complessivi dello studio ARIC (circa 6.300 morti in 25 anni) hanno fatto emergere il fattore protettivo delle diete con un moderato quantitativo di carboidrati rispetto a quelle iperproteiche. I carboidrati includono verdure, frutta, zucchero ma la fonte principale sono gli amidi come patate, pasta, pane, riso, cereali.

I risultati sono stati simili agli studi precedenti coi quali gli autori hanno confrontato il loro lavoro, studi che comprendeva oltre 400.000 persone provenienti da più di 20 paesi. Il più basso rischio di morte precoce è stato osservato laddove i carboidrati costituivano il 50-55% delle calorie totali (quantità ad esempio raccomandate dalla dieta mediterranea [VIDEO]).

La strada per la longevità non passa per una dieta povera di carboidrati (low carb). I soggetti studiati, spiegano gli autori, sono stati seguiti per 25 anni, dopo aver compilato all'inizio dello studio e dopo sei anni, un questionario sulle abitudini alimentari (e questi sono limiti importanti della ricerca perché si basa appunto su dati autoriportati e registrati solo due volte, a distanza di sei anni dall'inizio dello studio, ma nei successivi 19 anni le abitudini alimentari potrebbero essere cambiate). "Al contrario se si sceglie di scambiare i carboidrati con grassi e proteine vegetali come noci o legumi, si promuove la salute a lungo termine".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE