Juventus, Marotta: "Con Marchisio confronto sereno e rispettoso"

Rufina Vignone
Agosto 19, 2018

L'arrivo di Ronaldo è stato il primo segnale, seguito poi da una serie di situazione ambigue che hanno spinto Claudio Marchisio a dire addio alla Juventus. Dopo un quarto di secolo (tra giovanili e prima squadra, con una parentesi ad Empoli di mezzo) si è conclusa la storia tra la 'Vecchia Signora' e Marchisio: è notizia di stamane che il centrocampista ha rescisso in maniera consensuale il proprio contratto che andava in scadenza nel 2020. Poche righe su Instagram: Non riesco a smettere di guardare questa fotografia e queste strisce su cui ho scritto la mia vita di uomo e di calciatore. "È il nono campionato della gestione Andrea Agnelli, ogni anno - conclude Marotta - l'asticella si è alzata in termini di qualità, quest'anno abbiamo raggiunto l'eccellenza da questo punto di vista, chi va in campo e in panchina è di alto livello".

Secondo Sky Sport il giocatore è attualmente in Sardegna per decidere e le offerte per lui non mancano: c'è l'ipotesi Ligue 1 (ad esempio il Monaco che lo ha cercato settimane fa o il PSG di Buffon), la suggestione Arabia Saudita oppure quella che lo porterebbe in MLS a giocare per i Montreal Impact.

Claudio Marchisio, con 389 presenze, è il 18esimo bianconero di sempre.

Poi tornò a Torino, per rimanerci altri dieci anni, in cui collezionò sette scudetti, quattro Coppe Italia e tre Supercoppe. "Aver avuto la possibilità di accompagnarlo in questo suo percorso, scoprendolo campione, giorno dopo giorno, è stato un privilegio e un onore" è il ricordo della Juventus per il suo ormai ex Principino. "E in bocca al lupo!". Perché quella bianconera, lo sappiamo, farà sempre parte di lui e della sua storia. Allora il suo futuro sembra portarlo all'estero.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE