Il cordoglio dei Benetton: dolore e vicinanza alle famiglie colpite

Paterniano Del Favero
Agosto 19, 2018

Di fronte a una tragedia così immane, c'è chi si ostina a difendere i responsabili della tragedia, cioè la famiglia Benetton, il cui nome in questi giorni sembra essere un tabù sulle prime pagine dei quotidiani. Veniamo al punto: perché i media stanno, con rarissime eccezioni, trattando in maniera morbidissima i Benetton mettendo in campo sia i giornalisti-silenziatori sia i garantisti alle vongole? Senza contare Autostrade e il resto.

"Rapporto fra ricavi e utili, circa quattro a uno: mica male per un'azienda che svolge un servizio di pubblica utilità e che dunque dovrebbe garantire tariffe basse e non utili ai privati", commenta Belpietro, che aggiunge: "In pratica significa che ogni 100 euro incassati dalla concessionaria, 25 sono soldi al netto delle tasse che si mettono in tasca gli azionisti".

Conoscendoli, io attribuisco questo comportamento in minima parte al cinismo di chi per storia e ruolo ha introiettato una visione meramente contabile della vita in quel Veneto contadino dove i capannoni hanno sostituito i campi di grano, e molti attratti dall'improvviso arricchimento hanno venduto l'anima al diavolo. Ce l'abbiamo con la nostra condizione, secondo me è per una colpa nostra. E infatti lo scorso anno i vecchi sono tornati al comando, con la generazione più giovane (tipo il figlio di Luciano, Alessandro, marito di Deborah Compagnoni e presidente di Cortina 2021) relativamente dispersa. Sentiamo, ha detto l'Ad, "tutte le responsabilità" e "supporteremo la magistratura".

"Sia ben chiaro: lo Stato non accetta elemosine da Autostrade". Sarà stata l'onda lunga delle tante sponsorizzazioni multisportive e delle tante iniziative paraculturali finanziate dalla famiglia a Treviso e non solo a Treviso, rivelatrice della doppia anima del gruppo, globale (marchio con ambizioni internazionali, ma rimasto in fascia bassa) ma anche locale. È il fotografo Oliviero Toscani, per anni a libro paga dei Benetton come curatore della loro immagine. Il giornalista sportivo si compra con poco: una cena, un po' di considerazione, quella familiarità da megadirettore naturale che inorgoglisce Fantozzi. "Questi stessi esiti sono stati utilizzati come base per la progettazione degli interventi di manutenzione sul viadotto approvati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti". I lavori di demolizione di quello che resta del Ponte Morandi e la costruzione del nuovo ponte in acciao potranno svolgersi in parallelo secondo il concessionario autostradale.

Atlantia avrà il 50% più un'azione della holding a monte di Abertis, la spagnola Acs del patron del Real Madrid Florentino Perez il 30% e la sua controllata tedesca Hochtief (che di fatto ha lanciato l'Opa su Abertis propedeutica all'operazione) il 20% meno un'azione. Conclusione? La mitica pancia del paese è in questo caso allineata con le sue presunte élite, fa fatica ad ammettere di essersi sbagliata di grosso.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE