Circo Massimo, il Papa ai 70mila giovani: "Non lasciatevi rubare i sogni"

Bruno Cirelli
Agosto 15, 2018

Il Santo Padre ha indicato san Francesco come figura d'esempio: un italiano, ventenne, figlio di un grande affarista - così lo ha definito il papa - che voleva continuare a sognare.

Hanno cominciato ad affluire a Roma, ospitati da parrocchie della diocesi capitolina, i gruppi di giovani che in questo fine settimana parteciperanno ai due giorni di incontro con papa Francesco, dal motto "Per mille strade, verso Roma", in vista del Sinodo di ottobre. Questi addormentano i giovani e fanno di un coraggioso un giovane da divano. Seguirà il dialogo tra Francesco e i giovani, intessuto da tre domande dei ragazzi e tre risposte del Papa: i temi, la costruzione della propria identità personale e dei propri sogni (Letizia, 23 anni, e Lucamatteo, 21), il discernimento nella vita e l'idea di impegno e responsabilità nei confronti del mondo (Martina, 24), la fede e la ricerca di senso (Dario, 27 anni, infermiere che si occupa di cure palliative). "E i sogni dei giovani sono i più importanti di tutti, sono le stelle più luminose, quelle che indicano un cammino diverso per l'umanità". Sul fronte della mobilità, chiusa via dei Cerchi da piazza di Porta Capena a via di San Teodoro, e stop alla circolazione di auto e moto su via del Circo Massimo (a partire da viale Aventino), in via della Greca, in via dei Cerchi sino a Bocca della Verità e in via dell'Ara Massima di Ercole. "Un giovane che non sa sognare è un giovane anestetizzato e non potrà capire la forza della vita. E quando arriverete dove noi non siamo ancora giunti, abbiate la pazienza di aspettarci, come Giovanni aspettò Pietro davanti al sepolcro vuoto".

Tutti i principali eventi di sabato pomeriggio, di sabato sera e di domenica mattina sono trasmessi in diretta da Tv2000, da CEInews.it, dal sito della pastorale giovanile e da questo portale.

Passo dopo passo, i giovani in cammino e provenienti dalle varie diocesi italiane sono arrivati a Roma. L'apertura degli accessi a Circo Massimo è avvenuta alle 13. E a proposito di Chiesa, il Papa usa anche parole dure: "Senza testimonianza è solo fumo". Ora spazio alla musica, di Alex Britti, Clementino, Mirkoeilcane, e alla notte bianca delle chiese.

E Come Giovanni entrando nel sepolcro vuoto "vide e credette" grazie ai segni, anche oggi i giovani devono credere nei segni da cui non traspare la "sublime perfezione divina" ma piuttosto "il racconto della fragilità umana che incontra la Grazia che risolleva".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE