Niccolò Bettarini mostra le ferite delle coltellate: "Ribellarsi, ancora"

Ausiliatrice Cristiano
Agosto 8, 2018

Niccolò Bettarini torna sul social dopo l'aggressione subita lo scorso 2 luglio durante una brutta litigata fuori dalla discoteca "Old Fashion" di Milano. In spiaggia, il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini condivide con i suoi followers le conseguenze del momento più brutto della sua vita. In più, una recente pubblicazione nelle Instagram Stories riportante il commento "Ribellarsi, ribellarsi e ribellarsi ancora, finché gli agnelli non diventeranno leoni" mostra chiaramente le numerose coltellate sparse su tutto l'addome.

Ora che il peggio è passato, ripercorrendo quei tragici momenti, Niccolò ha raccontato: "Ricorderò per sempre che in ambulanza, nella mia testa, ho improvvisamente iniziato a pensare: 'Non voglio morire così". Nella foto pubblicata su Instagram ha mostrato i segni delle coltellate. "Io non voglio morire così...". L'ho gridato ai medici. A quel punto, la sicurezza ha allontanato tutti dal locale. A seguito dell'intervento della polizia, è stato un amico di Niccolò a raccontare l'intero accaduto, spiegando che il 19enne è stato accerchiato e malamente ferito con calci, pugni e con un fendente. Volevo che lo sapessero tutti, probabilmente volevo che il mio urlo arrivasse in Cielo e lo sentisse anche Dio. "Una coltellata è arrivata dritta vicino al fegato - ha proseguito il ragazzo - Una costola, spezzandosi, ne ha rallentato l'affondo". Mi ricordo di essere caduto a terra e Zoe si è buttata sopra di me per proteggermi da quella furia di violenza. Desidera seguire le orme del padre nel mondo del calcio: "Se voglio diventare un grande calciatore, devo smetterla di fare la vita notturna". "Uscire vivi da situazioni del genere ti cambia profondamente", ha aggiunto. "Farò di tutto per cercare di tornare a giocare al più presto nella mia squadra, la Triestina".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE