Il decreto Dignità passa alla Camera, i punti salienti

Paterniano Del Favero
Agosto 3, 2018

Con il decreto vengono inoltre prorogati i bonus per chi assume under 35 e in contratti a tempo determinato senza causali che superano i 12 mesi verranno in automatico trasformati in contratti a tempo indeterminato.

PERIODO TRANSITORIO FINO AL 31 OTTOBRE - La stretta non si applicherà subito anche ai contratti in corso, ma scatterà da novembre. L'incentivo vale per tre anni ed ha un tetto massimo di 3.000 euro. Dall'entrata in vigore della legge al 31 ottobre rimarranno in vigore le vecchie regole.

Il lavoro domestico sarà escluso dall'aggravio contributivo dello 0,5% su ogni rinnovo di contratti a termine. Come già previsto potranno essere utilizzati come forma di pagamento per il lavoro di pensionati, disoccupati, studenti fino a 25 anni e percettori di forme di sostegno al reddito.

Il provvedimento, voluto fortemente dal ministro del Lavoro e dello sviluppo economico, nel corso dei lavori in Commissione e in Aula si è arricchito di nuove norme come lo stop alla stretta sui contratti di somministrazione per i lavoratori portuali, multe più salate per chi viola il divieto di sponsorizzazioni e pubblicità dei giochi d'azzardo, il messaggio "nuoce gravemente alla salute" apposto su gratta e vinci e slot.

SALE INDENNITA' LICENZIAMENTO, ANCHE CON CONCILIAZIONE: In caso di licenziamento illegittimo le indennità passano da a minimo di 6 a un massimo di 36 mensilità.

VoucherAnche le piccole strutture ricettive turistiche (fino a 8 dipendenti al posto di 5) possono fare ricorso ai nuovi voucher, la cui durata massima è di 10 giorni (non più 3).

A CHI DELOCALIZZA MULTE DA 2 A 4 VOLTE I BENEFICI: sanzioni da 2 a 4 volte i benefici per le aziende che hanno ricevuto aiuti di Stato che delocalizzano le attività prima che siano trascorsi 5 anni dalla fine degli investimenti agevolati. Meccanismo di 'recapture' per l'iperammortamento in caso di delocalizzazione o cessione degli investimenti.

Il gioco d'azzardo come le sigaretteSui Gratta e Vinci comparirà la scritta "il gioco nuoce alla salute", simile quindi a quella che già impressa sui pacchetti di sigarette. Tra le novità anche un maggiore aumento del Preu per finanziare il bonus assunzioni. Salvi i contratti in essere per non più di un anno. Stop alla burocrazia con taglio di redditometro, split payment e spesometro. L'obbligo per i benzinai di ricorrere alla fattura elettronica è stato posticipato al primo gennaio 2019.

COMPENSAZIONE CREDITI-DEBITI ANCHE QUEST'ANNO - Con un emendamento a firma Baldelli (FI), è stata concessa a imprese e professionisti la possibilità anche nel 2018 di compensare le cartelle esattoriali con i crediti fiscali con la PA.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE