31 luglio: Marte raggiunge la minima distanza da noi, sarà luminosissima

Geronimo Vena
Luglio 31, 2018

Marte torna a far parlare di sé. Solamente alcuni giorni fa, infatti, è arrivata la straordinaria e tanto attesa scoperta dei ricercatori italiani dell'Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), Agenzia spaziale italiana (Asi), Università di Roma Tre, Cnr, Università di Chieti e Università di Roma La Sapienza, che hanno individuato un bacino sotterraneo di acqua allo stato liquido sul pianeta rosso.

Ma non è finita qui: stasera Marte darà ancora spettacolo perchè raggiungerà la minima distanza dal nostro pianeta, come non accadeva da ben 15 anni. Ricordiamo che Marte si avvicina alla Terra mediamente ogni 26 mesi a una distanza che tuttavia varia di volta in volta. La distanza media fra la Terra e Marte è di circa 225 milioni di chilometri, spaziando da un massimo di 402,3 milioni di chilometri a 54,6 milioni di chilometri l'uno dall'altro. Il pianeta rosso sarà a 57.590.630 chilometri dalla Terra, vicinissimo in termini astronomici. Raggiungerà il punto più vicino alla Terra intorno alla mezzanotte, restando visibile per gran parte della notte. A partire da metà agosto, poi, la sua luminosità inizierà a essere più debole. "Quando Marte è in opposizione, cioè dalla parte opposta del Sole rispetto alla Terra, si verifica un allineamento tra i pianeti e la stella, con la Terra nel mezzo", ha detto ancora l'astronoma. "Si tratta di un fenomeno interessante, perché durante l'opposizione il pianeta rosso è completamente illuminato dal Sole e alla distanza minore dalla Terra", ha aggiunto. Il telescopio Hubble, infatti, come riporta la Nasa, in questi mesi estivi ha approfittato delle opposizioni di Saturno e Marte per scattare immagini dei due pianeti, entrambi colpiti da violente tempeste: Saturno nell'emisfero settentrionale e Marte in quello meridionale. Questi incontri ravvicinati sono inoltre, per le agenzie spaziali, un'opportunità per programmare il lancio di nuove missioni.

La Nasa invece vuole precisare che: "Non è vero che questa sera Marte apparirà grande come la Luna". "Se così fosse sulla Terra avremmo enormi problemi legati all'attrazione gravitazionale di Marte e Luna insieme".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE