Benevento: ucciso condannato per violenza sessuale su minori in permesso premio

Bruno Cirelli
Luglio 21, 2018

Ieri sera il permesso premio per Matarazzo. Il tribunale di Benevento aveva stabilito una condanna ad undici anni e sei mesi di detenzione, sentenza confermata dalla Corte d'Appello di Napoli nel 2011. Ieri sera è stato trovato senza vita in contrada Selva a Frasso Telesino, provincia di Benevento, nella casa dove viveva.Sembra che attorno alle 20 l'uomo fosse uscito dalla casa dove viveva coi due anziani genitori, senza spiegare perché.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri qualcuno ha esploso alcuni colpi di pistola contro l'uomo, che non ha avuto scampo. Secondo l'accusa, infatti, Matarazzo aveva approfittato dello stato di vulnerabilità in cui si trovava la minorenne che aveva un'infatuazione per lui. Il 6 gennaio 2008 si impiccò ad un albero vicino a casa sua.

Era appena uscito dal carcere dove stava scontando una condanna per pedofilia, quando un ex pastore è stato ucciso. Non è da escludere che qualcuno abbia attirato in una trappola il violentatore, per poi ucciderlo: l'uomo è morto sul colpo. Gli inquirenti scoprirono anche che, prima di Michela, Matarazzo aveva abusato sessualmente anche della sorellina.

I carabinieri stanno indagando sull'omicidio dell'uomo e per ora non tralasciano alcuna pista; tuttavia, al momento, l'ipotesi che sembra prendere piede è quello della vendetta per l'accusa di aver violentato la ragazza.

Una tragedia che grazie alle indagini dei carabinieri svelò l'incubo che quella ragazzina aveva vissuto negli ultimi anni. Sul corpo della vittima sono stati eseguiti i rilievi nel tentativo di trovare eventuali tracce lasciate dall'assassino.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE