Sciopero Ryanair: oltre 600 voli cancellati tra 25 e 26 luglio

Paterniano Del Favero
Luglio 20, 2018

La compagnia aerea low cost ha annunciato la cancellazione di 600 voli per mercoledì e giovedì della settimana prossima (25 e 26 luglio), di fronte all'annuncio di uno sciopero del personale di cabina. Al momento, Ryanair riconosce solo i sindacati che rappresentano il suo personale (piloti e personale di bordo), fatta eccezione per l'Italia dove a inizio giugno la compagnia ha riconosciuto due sigle sindacali, l'Anpac e l'Anpav, una novità assoluta per questa categoria di dipendenti. "Fino a 200 voli giornalieri" saranno annullati da e per la Spagna, "50 da/per il Portogallo e 50 da/per il Belgio", ha chiarito Ryanair in una nota.

I passeggeri interessati allo sciopero sono già stati contattati tramite email o sms e potranno arrivare a destinazione tramite un altro volo o ottenere un risarcimento entro sette giorni prima o dopo il 25 e il 26 luglio. L'agenzia Reuters ha scritto che sarà il più grande sciopero di sempre per Ryanair. "Il personale di bordo di Ryanair ha un buon stipendio, fino a 40.000 euro l'anno", ha detto Jacobs, sottolineando che per quanto riguarda i giorni di riposo, l'azienda è "leader del settore" e gli equipaggi di cabina ricevono "buone commissioni sulla vendita" dei prodotti a bordo. Per esempio, il personale si lamenta di dover pagare per l'acqua potabile durante i voli e di dover descrivere per iscritto i propri sintomi quando rimangono a casa malati. L'aviolinea ribatte che "questi scioperi non hanno alcuna giustificazione e nessun altro scopo se non quello di rovinare le vacanze e avvantaggiare le altre società", ha dichiarato il direttore marketing di Ryanair, Kenny Jacobs.

600 voli cancellati, 100mila passeggeri a terra.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE