EI TOWERS/ Mediaset e F2i lanciano un’Opa da 57 euro ad azione

Paterniano Del Favero
Luglio 20, 2018

Ei Towers ha chiuso il primo trimestre 2018 con 67,4 milioni di euro di ricavi, dopo 262,9 milioni in tutto il 2017, con un ebitda rettificato di 35,1 milioni nel trimestre e di 133,6 milioni nell'intero 2017 e con un debito finanziario netto di 311,1 milioni a fine marzo da 317,7 milioni a fine dicembre 2017. L'offerta prevede un corrispettivo di 57 euro per azione, corrispondente ad un premio del 19,2% rispetto ai prezzi medi ponderati registrati nei sei mesi precedenti l'annuncio dell'operazione. Inoltre è condizione imprescindibile il raggiungimento da parte di 2i Towers di una partecipazione complessiva nel capitale di EI Towers superiore al 90%. In Italia l'unico concorrente di Ei Towers è Ray Way, società anch'essa quotata in Borsa ma che opera esclusivamente per la Rai. Advisor fiscale e legale è Legance - Avvocati Associati.

"Il business delle torri di trasmissione riveste un ruolo strutturale nel business tv", ha fatto sapere Mediaset, che infatti ha investito in 2i Towers holding (arrivando a una quota del 40%), ovvero la società che possiede il 100% di 2i Towers. L'Opa, per Mediaset, significa "valorizzare un asset rilevante" e nel contempo "rafforzare la strategia di focalizzazione sul core business della televisione gratuita".

L'attività di Ei Towers si articola nella gestione di un parco di circa 3.300 infrastrutture, di cui 2.300 torri broadcasting e oltre 1000 torri per telefonia mobile, distribuite sul territorio italiano dedicate all'ospitalità di impianti di trasmissione ed antenne di diffusione del segnale nelle quali ospita e gestisce più di 10.000 impianti dei propri clienti. La società svolge anche un'attività ad elevato contenuto tecnologico che consiste nella pianificazione, progettazione, realizzazione e gestione delle infrastrutture televisive di broadcasting. Ei Towers dispone inoltre di una dorsale in fibra ottica che si sviluppa su un percorso di oltre 6.000 chilometri e di una infrastruttura satellitare basata su due piattaforme.

Il risiko sulle torri si è riacceso dopo che nei giorni scorsi Edizione (famiglia Benetton) ha concluso l'acquisizione del 29,9% del capitale di Cellnex dalla spagnola Abertis nell'ambito del'acquisto del gruppo spagnolo da parte di Atlantia.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE