Egitto, forte esplosione vicino all'aeroporto del Cairo

Bruno Cirelli
Luglio 15, 2018

Un forte boato è stato sentito dopo l'esplosione. Nell'esplosione sono rimaste ferite otto persone, tra soccorritori e operatori nell'area del carburante dello scalo: le fiamme sono state domate solo dopo diverse ore grazie all'intervento continuativo delle squadre della Difesa Civile egiziana accorse sul posto appena dopo il maxi incendio. In effetti, la colonnina di mercurio al Cairo durante il giorno è salita sopra i 34 gradi, ma nel luogo in cui si trovavano le due cisterne, a causa dei materiali chimici, la temperatura registrata è stata anche più alta. L'esplosione ha provocato il ferimento di un sergente di polizia e di un guardiano caduti da una torre di controllo per lo spostamento d'aria.

Gli organi competenti militari hanno avviato comunque un'inchiesta per accertare le circostanze dell'accaduto e per quantificare i danni provocati dall'incidente.

Delle fiamme altissime si sono sollevate nelle vicinanze dello scalo, ma - a differenza di quanto fatto sapere dalle autorità in un primo momento - il traffico aereo non è stato sospeso. Un portavoce dell'esercito, parlando con i giornalisti, ha descritto le cause che hanno innescato l'esplosione e l'incendio. Dai medi locali sono stati diffuse notizie false.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE