L’ex presidente catalano Carles Puigdemont potrà essere estradato in Spagna per malversazione

Bruno Cirelli
Luglio 14, 2018

Il tribunale dello stato federale dello Schleswig Holstein ha deciso stamattina che l'ex presidente potrà essere estradato in Spagna, ma solo per l'accusa di malversazione di fondi pubblici, per la quale rischia comunque finbo a 12 anni di carcere.

La corte di Schlewsig-Holstein si è pronunciata a favore dell'estradizione dell'ex presidente catalano in Spagna, per il reato di appropriazione indebita e non per quello di ribellione, elemento centrale delle accuse contro di lui. Lo ha deciso la corte tedesca di Schleswig-Holstein, ma per rendere esecutiva la sentenza di estradizione l'ex capo della Generalitat catalana dovrà attendere il pronunciamento della Procura generale, secondo quanto riporta l'agenzia tedesca Dpa.

Puigdemont - che era stato arrestato nello stato di Schleswig-Holstein lo scorso 25 marzo, con l'aiuto dell'intelligence spagnola - era stato poi liberato temporaneamente in attesa di una decisione definitiva sul reato di malversazione e quindi sulla richiesta di estradizione. Puigdemont proveniva dalla Finlandia dove aveva tenuto una conferenza e stava rientrando a Bruxelles. Il socialista Pedro Sanchez, adesso alla guida del governo spagnolo dovrebbe assicurare maggiori garanzie di democrazia anche nell'ambito dell'indipendenza della Catalogna al centro di una profonda crisi istituzionale del Paese. Il tribunale ha preso ora una decisione sull'altro reato, quello di malversazione, previsto dall'ordine di arresto europeo diffuso dalla Spagna e ricevuto dalla giustizia tedesca.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE