Johnson & Johnson deve pagare 4,7 miliardi per il cancro causato dal talco

Barsaba Taglieri
Luglio 13, 2018

La Johnson & Johnson, multinazionale americana celebre in particolare per i suoi shampoo e le sue creme per bambini, è stata condannata a pagare un maxi risarcimento da 4,7 miliardi di risarcimento a donne che hanno attribuito il loro cancro alle ovaie all'amianto presente nel talco venduto dall'azienda. Lo ha deciso una giuria di St. Louis al termine di un processo durato cinque settimane durante il quale sono stati ascoltati diversi esperti.

Johnson & Johnson sta affrontando circa 9 mila casi legali che hanno a che fare con i suoi prodotti a base di talco, ma molte delle sentenze di primo grado sono state ridimensionate o annullate in appello.

La portavoce Carol Goodrich ha affermato che i prodotti della società non causano il cancro, e che la Johnson & Johnson è convinta di poterlo dimostrare in appello.

La giuria di St. Louis ha stabilito prima i danni compensativi, fissandoli a 550 milioni di dollari, ovvero circa 25 milioni per ognuna delle 22 donne rappresentate nel caso. Poi, dopo essersi riunita nuovamente per un'ora, ha deliberato i danni punitivi quantificandoli in 4,14 miliardi, portando così il totale a 4,69 miliardi di dollari. Johnson & Johnson - ha aggiunto - ha truccato i test per evitare di mostrare la presenza di asbesto, ha aggiunto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE