Perin accoglie Ronaldo: "Che vantaggio per la Juve"

Rufina Vignone
Luglio 12, 2018

Joao Cancelo: "Onorato di essere alla Juventus insieme a Ronaldo, speriamo di alzare trofei insieme".

Mattia Perin, come ha vissuto questi primi giorni in bianconero? Dalla parte dei sette volte campioni d'Italia: "Inter e Juve sono due grandi club". Il 25enne ex portiere del Genoa sbarca alla Juventus proprio nel day after dell'ufficializzazione di Cristiano Ronaldo: "Non me lo aspettavo - commenta - ma non mi sorprende che una società come questa abbia preso un campione del genere". Gli infortuni? Mi hanno reso una persona migliore. "E' un obiettivo, non un obbligo perché ci sono tante squadre al nostro livello". Ho fatto un percorso tortuoso per arrivare nella più grande squadra italiana, tra le prime 5 d'Europa: "ho lavorato tanto, arrivo in punta di piedi e ora voglio conoscere bene questa grande famiglia". La Juve è alla pari con società come Real Madrid e Bayern Monaco. Colui che, insieme a Szczesny, raccoglierà l'eredità di Gigi Buffon. "Comunque alla Juve si sente aria di vittoria appena arrivi ed entri subito nella mentalità". "Questo è un grande club europeo e se farò bene qui sarà più facile avere spazio nel Portogallo". Il mio ruolo alla Juve? La spietata concorrenza di Szczesny alla difesa dei pali della Juve, però, non è una preoccupazione: "So che parto svantaggiato, ma la concorrenza reciproca farà bene a entrambi. Io lavorerò, suderò, per dare il meglio quando potrò giocare, poi sono decisioni che non mi spettano".

"Non mi permetto di giudicare la sua scelta". Conoscendolo, è una persona competitiva e ama le sfide: a 40 anni solo un campione come lui poteva rimettersi in gioco in un altro campionato. Si comincia parlando di Ronaldo.

"Ho scelto il numero 19 perchè mia figlia è nata il 19 febbraio, ho fatto una scelta di cuore".

Sull'Inter: "E' stato un club molto importante. Senza, non avrei l'equilibrio che ho, e forse non sarei qui".

"Affermarsi in Italia ma anche vincere la Champions".

Conferenza stampa di presentazione per Mattia Perin: il neo portiere della Juventus ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza.

NAZIONALE - "E' ovvio che penso alla Nazionale e anche lì c'è molta competitività".

IO E IL MONDIALE - "Mi è dispiaciuto molto non partecipare, il Mondiale è una competizione molto bella e tutti sognano di giocare".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE