CR7 alla Juve, Veltroni: "È come se fosse arrivato Pelè"

Rufina Vignone
Luglio 11, 2018

Poco male, perché Agnelli non ha raggiunto Costa Navarino per sistemare gli ultimi dettagli, ma per brindare con Mendes e CR7, i due protagonisti del più grande colpo della storia juventina. Il lavoro diplomatico da parte di Jorge Mendes, il potente procuratore vero deus ex machina dell'operazione, si è concluso nel momento in cui a Madrid hanno accontentato Ronaldo in cambio di un comunicato, dove il giocatore si prendeva le responsabilità del divorzio, e dei 100 milioni di euro offerti dalla Juve.

Iniziamo dai bianconeri: "In termini di impatto, acquisto spettacolare ma entro una settimana il club italiano, che ha fatto fatica a raccogliere i soldi, dovrà pensare a come ammortizzare un'operazione da quasi 350 milioni di euro per un giocatore che dovrà compiere 34 anni".

Rompe gli indugi il Real Madrid alle 17.32.

La Juventus verserà nelle casse del Real Madrid 105 milioni di euro.

Così le strade hanno iniziato a separarsi. Contratto di 30 milioni per quattro anni.

Un tempo quando in Serie A arrivava un grande calciatore c'erano sempre grandi polemiche per l'enorme cifra spesa e sull'enorme ingaggio.

Comunque la si pensi, non dovrebbe mai venir meno il buon senso e l'intelligenza di circoscrivere il dibattito per ciò che è: un mero esercizio dialettico tra chi non può di certo cambiare la realtà.

A cominciare proprio dagli aspetti fiscali di chi guadagna tanto e cerca l'escamotage di turno... Il 7 Luglio, il famoso 7/7 che tutti avevano ipotizzato come possibile data di presentazione, i numeri cominciano a crescere costantemente, attestandosi a 32,681 milioni, per arrivare ai 32,689 milioni di domenica 8 Luglio e riprendere ad aumentare in maniera consistente il 9 Luglio, quando si aggiravano a 32,706 milioni.

E nessuno polemizza sul mostruoso ingaggio di Cristiano Ronaldo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE