Paolo Ruffini primo prefetto laico: guida il Dicastero della Comunicazione

Ausiliatrice Cristiano
Luglio 7, 2018

Dal 2014, Ruffini era direttore di Rete Blu, che riunisce il canale Tv2000 e Radio In Blu, media della Conferenza Episcopale Italiana.

Il presidente dell'Ucsi Sicilia Domenico Interdonato, ha dichiarato: "I giornalisti cattolici di Sicilia sono felici perché la scelta di Papa Francesco di nominare Paolo Ruffini, a capo dell'importante Dicastero per la Comunicazione, per la prima volta è caduta su un laico di origini siciliane nato a Palermo e perché ne conoscono e apprezzano, le qualità morali e professionali". È giornalista professionista dal 1979. È sposato. Ha lavorato per Il Mattino, Il Messaggero, di cui nel 1996 è diventato vicedirettore, il Giornale Radio Rai, di cui è stato nominato direttore nel novembre 1996, Radio 1, Rai3 (direttore dal 2002 al 2009), La 7 (direttore dal 2011), infine Tv2000 dove ha ricoperto il ruolo di direttore di rete e insieme direttore di Radio InBlu. Paolo Ruffini ricoprirà il ruolo lasciato da monsignor Dario Viganò, dopo la vicenda della lettera del papa emerito Benedetto XVI. Ma non è un cammino che si interrompe. E ringrazio tutti i colleghi, a cominciare da Lucio Brunelli, il direttore delle news, che lo hanno reso possibile, e reale, ogni giorno.

"Mi è capitato molte volte nella vita - ha proseguito Ruffini - di dover cambiare ruolo. E' un processo che sono anzi certo continuerà veloce". Di dover ricominciare. Sempre in maniera non prevista. Ma questa - ha detto Ruffini - è la più imprevista di tutte.

"È una nomina - commenta in una nota don Ivan Maffeis - che valorizza un professionista di primo piano, che ha contribuito in maniera decisiva a far crescere Tv2000 e il Circuito radiofonico InBlu; un amico stimato, che ha saputo far squadra, paziente e lungimirante". Quella di Papa Francesco - dichiara il neo prefetto - è stata una chiamata che mi ha sorpreso, che non mi aspettavo, per un compito così grande da essere anche misura e ammonimento costante della mia personale piccolezza. Di fronte a questa chiamata - ha aggiunto - potrò sempre e solo esprimere la mia gratitudine. "Nel ringraziare il Santo Padre per questa fiducia, siamo certi di trovare nel dottor Ruffini un interlocutore prezioso per continuare una collaborazione fruttuosa a servizio della missione della Chiesa".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE