Migranti. L’Austria pronta a difendere i propri confini con l’Italia

Bruno Cirelli
Luglio 6, 2018

Tra le proposte fatte da Merkel a Seehofer, risulta il piano di rinviare verso l'Austria i richiedenti asilo che arrivano in Germania e che non possono essere rimpatriati nel loro Paese di ingresso in Europa. Inoltre l'esecutivo guidato da Sebastian Kurz (in foto) ha fatto sapere di essere "pronto a prendere misure per proteggere le frontiere meridionali, in particolare, quelli con Italia e Slovenia". Il Ministro degli Interni Salvini ha risposto che se l'Austria chiude i confini per l'Italia è un un "affare considerato" che molta più gente è disposta a tornare nel proprio paese piuttosto che trasferirsi. "Il Consiglio europeo ha affermato che l'immigrazione è una questione europea e serve uno sforzo condiviso".

Se già in campagna elettorale questo tema era stato affrontato dalle due coalizioni in modo decisamente animato, con le dichiarazioni del capo del Viminale si è proseguito su questa linea. A confermarlo lo stesso ministro dell'Interno Horst Seehofer che aveva minacciato le dimissioni: "Abbiamo un accordo chiaro che corrisponde alle mie idee e mi consente di restare nel governo". L'innescamento cioè di una serie di reazioni a catena e misure di contenimento dell'immigrazione illegale avviate dai singoli governi nazionali e non la tanto auspicata risposta congiunta europea.

L'Austria reagisce così all'accordo raggiunto tra il partito della cancelliera tedesca Angela Merkel, la Cdu, e i suoi partner bavaresi della Csu. La leader dell'Spd Andrea Nahles ha subito chiesto "chiarimenti" sull'accordo e sull'istituzione dei centri di transito sempre osteggiati dalla sinistra del partito.

Di ben altra portata sono invece gli strascichi a livello europeo. Parlando all'Europarlamento di Strasburgo Sebastian Kurz ha messo in chiaro che "Schengen si salva solo bloccando gli sbarchi" e sorvegliando meglio i confini esterni dell'Unione.

"L'impegno dell'Austria a sostenere la libertà di circolazione affinchè l'Europa non sia delle frontiere interne ma protegga le sue frontiere esterne", secondo Tajani, è un messaggio rassicurante e un buon inizio della presidenza austriaca.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE