Stipendio: busta paga in contanti da oggi vietata, soldi devono essere tracciabili

Paterniano Del Favero
Luglio 5, 2018

"Come sindacato abbiamo sensibilizzato il Ministero dei Trasporti, per cui il Direttore Mauro Coletta il 26 giugno scorso ha inviato una nota ai Ministeri dell'Economia e del Lavoro per chiedere un'eccezione per i marittimi, ma ad oggi non ci risulta che siano pervenute risposte ufficiali dai due dicasteri". In questi casi il denaro corrisposto in busta paga potrà continuare ad essere legale, anche se chi lo fa rischierà di essere sottoposto a controlli più frequenti da parte del ministero del Lavoro.

Non sono interessati dalla normativa, invece, tutti quei lavoratori che lavorano nella Pubblica Amministrazione, i lavoratori domestici (colf, baby sitter e badanti) ed i compensi pagati dagli stage ai lavoratori occasionali. Al fine di considerare correttamente adempiuto l'obbligo risulterà pertanto necessario verificare non soltanto che il pagamento sia stato disposto utilizzando gli strumenti previsti dalla legge, ma che lo stesso sia andato a buon fine.

Dal 1 luglio 2018, secondo quanto disposto dalla legge di bilancio per il 2018, i datori di lavoro o i committenti sono tenuti a corrispondere ai lavoratori la retribuzione, nonché ogni anticipo di essa, utilizzando gli strumenti di pagamento individuati dalla stessa norma.

In questo modo applicando la normativa vigente non sarà più possibile effettuare pagamenti in contanti ma solo per mezzo di strumenti tracciabili come bonifici, assegni o erogazioni in contanti presso gli sportelli di banche e poste ossia con bonifico domiciliato. Viene accettato anche un assegno consegnato direttamente al lavoratore.

Chi non si adegua alla novità rischia una multa da mille a 5mila euro.

Tuttavia, il datore di lavoro sanzionato, entro 30 giorni dalla notifica del verbale di contestazione e notificazione ha la facoltà di presentare ricorso amministrativo al direttore della sede territoriale dell'Ispettorato nazionale del lavoro (art. 16 del d.lgs. n.124/2004).

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE