Thailandia, 12 bambini intrappolati in una grotta da quattro giorni

Bruno Cirelli
Luglio 2, 2018

E' il drammatico annuncio del governatore thailandese della provincia settentrionale di Chiang Rai nel quarto giorno del dramma dei 12 ragazzi di una squadra di calcio e del loro allenatore bloccati in una grotta. Dopo le forti piogge, infatti, sono riprese le ricerche, a ritmo spasmodico, che hanno mobilitato esperti da tutto il mondo. I tentativi dei soccorritori di pompare acqua all'esterno sono resi vani dal fatto che sulla zona continua a piovere, il che causa il rigonfiamento del torrente sotterraneo che con ogni probabilità ha impedito ai ragazzi di uscire dalla grotta quattro giorni fa.

Ma in queste ore non c'è tempo per le discussioni: ci sono solo 12 calciatori in erba ed il loro mister da salvare.

Tutto è iniziato sabato 23 giugno, quando una squadra di calcio giovanile stava rientrando dopo una partita nel nord del Paese. Gli adolescenti di eta' compresa tra gli 11 e i 15 anni ed il loro allenatore - riferisce 'The Independent' - sarebbero entrati all'interno della cavita' naturale di Tham Luang, in un parco nazionale al confine con Myanmar e Laos, nel tardo pomeriggio di sabato. All'ingresso del sito sono state trovate le biciclette e le scarpe dei giovani calciatori.

Oltre ai sommozzatori della Marina, i soccorritori stanno utilizzando anche droni e sensori sottomarini per riuscire a individuare i ragazzi e assicurarsi che stiano bene, ma per il momento la squadra risulta ancora dispersa.

Le autorità sperano che il gruppo possa aver trovato riparo in una delle cavità laterali della grotta, lunga quasi 10 chilometri. Il generale Chalermchai Sittisart ha dichiarato: "Tutti stanno facendo del loro meglio". I soccorsi sono resi ancor più complicati dalle continue piogge che imperversano nella località. La situazione non è delle più facili, ma bisogna continuare a sperare.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE