Germania, scuse mondiali ai tifosi

Ausiliatrice Cristiano
Luglio 1, 2018

Non ci possiamo vedere, è un sentimento reciproco. Ci affibbiano gli epiteti di mangiapasta, noi rispondiamo con crucchi. In pochi si aspettavano l'uscita della nazionale guidata da Joachim Loew da Russia 2018 dopo appena tre partite, un evento che per la Mannschaft non si verificava da 80 anni. Dai messicani - che grazie alla vittoria per 2-0 della Corea del Sud hanno staccato il pass per gli ottavi - fino ai brasiliani, ancora scottati dalla sconfitta in casa per 1-7 inflitta proprio dalla Germania durante lo scorso Mondiale. Messi? E' il migliore al mondo, lo abbiamo cercato in tutti i modi ma a volte non siamo riusciti a raggiungerlo.

La disfatta della Germania contro la Corea del Sud. Ai Mondiali 1966 perdemmo contro i dilettanti provenienti al di sopra del 38esimo parallelo: Pak Doo Ik è stato un incubo per generazioni di italiani, cresciuti con l'umiliazione del gol subito da quel dentista (o professore di ginnastica, o fruttivendolo, o altro visto che la storia della sua professione è entrata nella mitologia) che ci eliminò nella fase a gironi.

Nel turno successivo, e quindi ai quarti di finale, toccò alla Spagna essere vittima dei giocolieri coreani, che riuscirono a spuntarla nella lotteria dei calci di rigore al termine di un match con forti recriminazioni anche da parte degli iberici nei confronti della direzione di gara.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE