Vitalizi, Fico: "Tagli dal 40 al 60% e risparmi per 40 milioni"

Paterniano Del Favero
Giugno 29, 2018

Subito si annunciano ricorsi degli ex parlamentari colpiti dal provvedimento, che per voce del rappresentate dell'associazione che li riunisce Falomi, hanno preannuciato una class action e ricorso stragiudiziale contro l'Ufficio di presidenza della Camera di Roberto Fico, ritenendo il provvedimento incostituzionale, in quanto, a loro dire, si interviene in materia previdenziale in modo retroattivo.

L'ex deputato della sinistra riferisce poi che la delibera è stata opera di un lavoro di collaborazione "dai tratti non del tutto chiari" con il presidente dell'Inps Tito Boeri, il quale ha fornito dei coefficenti di trasformazione "totalmente inventati e privi di qualunque fondamento giuridico". Lo ha detto il ministro al Lavoro e allo Sviluppo economico Luigi Di Maio, nel corso del question time alla Camera dei Deputati.

"Andremo avanti con impegno, determinazione e coraggio per cambiare totalmente il nostro Paese".

Oggi, dicono dunque i 5 stelle dal loro blog, "e' un giorno storico per tutti gli italiani". Dopo anni di battaglie contro i privilegi della politica, finalmente iniziamo l'iter per porre fine a una ingiustizia sociale. "Una vittoria che ci riempie di grande emozione e che dedichiamo a tutti voi che avete sempre creduto nel MoVimento!".

Secondo quanto fanno evincere fonti della Camera, la delibera prevede un superamento dell'attuale sistema dei vitalizi previsti per gli ex parlamentari e un ricalcolo con sistema contributivo. Il cambiamento del calcolo avverra' dal 1 novembre di quest'anno. Invece, in tasca a Leopoldo Di Girolamo vanno 3.878,94 euro di vitalizio ma quando lo ha ottenuto, nel 2012, ha rinunciato ai soldi dell'indennità da sindaco di Terni (5.400 euro al mese). Secondo la stima fatta dall'Inps, nel 2018 i vitalizi dovrebbero raggiungere la cifra di circa 200 milioni di euro, complessivamente tra Camera e Senato. Tanto che mi auguro che si intervenga anche, con una disamina a più vasto raggio, sulle pensioni retributive di altre categorie stranamente trascurate sia dal dibattito pubblico più responsabile, sia dalla imperante eccitazione anticasta.

E che l'atto promesso dai Cinquestelle già in campagna elettorale sia "destinato a soccombere per la sua manifesta incostituzionalità" lo ribadisce Borgoglio spostando la questione "da un piano di propaganda con dietro il proposito di applicare lo stesso criterio alle pensioni dei cittadini a quello di una giusta chiamata alla solidarietà". La delibera ha però fissato in 980 euro il vitalizio minimo.

Secondo Fico, la delibera consentirebbe alla Camera un risparmio di circa 40 milioni di euro. Fico intende "sforbiciare" 1.405 vitalizi percepiti da ex deputati. "Per la maggioranza dei casi", ha spiegato Fico, il taglio sarà "dal 40 al 60 per cento". La ratio e' che con il ricalcolo avrebbero incassato un assegno di importo maggiore e, quindi, viene messo un tetto limite che si calcola sulla base dell'ultimo vitalizio percepito al 31 ottobre 2018. Se la riforma voluta dal M5s verrà approvata senza cambiamenti, le nuove norme entreranno in vigore l'1 novembre del 2018. Il discorso riguarda in teoria 67 ex deputati che hanno 4 o più legislature e i cui assegni non subiranno variazioni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE