Rom in Italia: "Incostituzionale qualunque censimento"

Bruno Cirelli
Giugno 22, 2018

"Quella del censimento nei campi rom non è una priorità". "Se lo propone la sinistra va bene, se lo propongo io è razzismo" scrive Salvini sulla sua pagina Fecebook. Io non mollo e vado dritto!.

Mentre Carlo Stasolla, presidente dell'Associazione 21 luglio, ha chiarito che "una schedatura su base etnica è vietata in Italia", Salvini su Twitter ha ribadito la sua volontà di andare avanti con il progetto, su cui i funzionari del ministero starebbero già lavorando. "Ad ogni modo lavoreremo in futuro con i sindaci, sapendo che questo tipo di controlli esistono da anni, ovunque, portati avanti da amministrazioni di tutti i colori politici".

"Noi siamo nati qua, Salvini ci vuole cacciare? - domanda - Ma che vuole da noi?"

"A mio avviso il messaggio di Matteo Salvini non è quello giusto". Molti rom in Italia fanno ormai parte della terza generazione e compiuti 18 anni sono a tutti gli effetti cittadini italiani. Scendiamo in piazza il 20 giugno per dire che, nonostante le contraddizioni del nostro lavoro, non siamo disposti a tutto. Al contrario, siamo in un momento in cui questa crisi si sta affievolendo. Di Maio parla anche dell'inchiesta sullo stadio della Roma che riguarda da vicino i Cinque Stelle: "Siamo gli unici che in questa vicenda non hanno preso una lira". "Non siamo rimasti inattivi dinanzi alla sfida migratoria".

Una raccolta firme di parlamentari M5S contro Luigi Di Maio, con l'obiettivo di ridimensionare gli ampi poteri del capo politico, oggi anche vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro.

Il commissario Ue Pierre Moscovici, ha definito "scioccanti o raggelanti" le dichiarazioni di Salvini. Comunque il leader della Lega è stato richiamato dai suoi partner di governo ad attenersi a quanto contenuto nel Contratto e ha fatto saggiamente marcia indietro. "Poi, le sue successive affermazioni in merito testimoniano che era una modalità di espressione e non un'idea sostanziale". Così il ministro della Salute Giulia Grillo, intervistata su SkyTg24, in merito alla proposta del ministro dell'Interno. "Cerco di essere moderata ma diretta, perché essere diretti è importante per evitare equivoci ed essere chiari con le persone".

Due arresti nella cerchia dei fedelissimi, da Raffaele Marra a Luca Lanzalone, otto rimpasti di giunta, tante polemiche interne e correntismi da tenere a freno, una città da governare che quotidianamente presenta il conto, dossier critici da gestire per il futuro di Roma (vedi Atac e il concordato), sul finire la baraonda stadio e proprio il giorno delle candeline, la prima udienza del processo per falso in atto pubblico.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE