Merkel chiama Conte, bozza Ue sara' accantonata

Bruno Cirelli
Giugno 22, 2018

Domenica l'atteso vertice informale 21 giugno 2018 - agg. Donald Tusk, il presidente, è al lavoro per mettere sul tavolo una proposta alternativa di compromesso sulla gestione dei migranti. Lo si è appreso da fonti europee.

"Ho appena ricevuto una telefonata dalla Cancelliera Angela Merkel - si legge sul post pubblicato dal premier Conte -, preoccupata della possibilità che io potessi non partecipare al pre-vertice di domenica a Bruxelles sul tema immigrazione". Linea sposata anche dai vicepresidenti del Consiglio Salvini e Di Maio.

"Ricordo che l'Italia - aveva concluso Salvini - ogni anno regala sei miliardi all'Unione europea".

Una nuova vittoria in campo europeo del Premier Giuseppe Conte e di conseguenza di tutta l'Italia.

Per movimenti secondari di migranti di fatto si intende la circolazione di chi sbarca sulle coste europee tra i Paesi membri Ue.

Immediata, sempre sul social network, la reazione del vicepremier Luigi Di Maio: "Finalmente vedo un'Italia rispettata in Europa e nel mondo". Così il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker alla conferenza stampa a Dublino con il premier irlandese Leo Varadkar.

Il premier italiano Conte fa la voce grossa e la cancelliera Merkel ritorna sui suoi passi.

"Domenica al centro della discussione sull'immigrazione ci sarà la proposta italiana e se ne discuterà insieme alle proposte degli altri Paesi- aggiunge-. La Cancelliera ha chiarito che c'è stato un "misunderstanding": la bozza di testo diffusa ieri verrà". "Fanno le peggiori provocazioni umanitarie e nessuno si scandalizza" così il presidente francese, in risposta alla chiusura dei porti italiani alle Ong con a bordo i migranti sostenuta dal ministro degli Interni Salvini che dopo il caso Aquarius torna sull'argomento vietando lo sbarco alla nave Lifeline battente bandiera olandese con 300 migranti a bordo. Intanto Il parlamento dell'Ungheria ha votato sì alla modifica della Costituzione che prevede una stretta sulle richieste d'asilo e inserisce il divieto di accogliere i migranti economici. Insomma - è il messaggio all'Italia - nulla è deciso, i giochi sono ancora aperti. "Questo non è giusto", ha detto il commissario europeo Dimitris Avramopoulos parlando degli schemi regionali per gli sbarchi, proposta a cui la Commissione Ue sta lavorando. Questo è nella bozza della dichiarazione di domenica ma è solo una bozza per la discussione. "Le decisioni verranno prese al vertice dei leader Ue della settimana prossima".

Matteo Salvini continua a bacchettare duramente il precedente Governo, in special modo sul ruolo dell'Italia in Europa. "Ci vediamo domenica a Bruxelles!". "Conte ha il totale sostegno per andare a discutere qualcosa di utile per il nostro Paese". I rifugiati veri sono 7 su 100. Un vertice che si annuncia teso. "Allargare ulteriormente i criteri sarebbe il caos assoluto".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE