Scoppia un altro caso con le navi delle ong. Toninelli: "Le sequestreremo"

Bruno Cirelli
Giugno 21, 2018

La nave della Ong tedesca Lifeline (che batte bandiera olandese) è intervenuta in soccorso di 300-400 migranti a bordo di un gommone a largo delle coste libiche. I soccorritori hanno chiesto aiuto alla guardia costiera italiana o a qualche mercantile che incrocia in zona. La Lifeline è intervenuta in acque Sar (Ricerca e soccorso) libiche in soccorso di alcuni gommoni carichi di persone ed è proprio la guardia costiera di Tripoli a coordinare l'operazione. "Ci aspettiamo - dicono dalla ong - comportamento professionale e che le forze libiche rispettino la legge internazionale". "Abbiamo scritto all'ambasciatore olandese, in ogni caso questa nave l'Italia la vede solo in cartolina, le regole se ci sono vanno rispettate, non si mettono a rischio le vite umane". "Hanno imbarcato circa 250 naufraghi senza avere i mezzi tecnici per poter garantire l'incolumità degli stessi naufraghi e dell'equipaggio". Secondo Salvini, la Lifeline è contravvenuta agli ordini della guardia costiera italiana e libica soccorrendo i 224 migranti, perché era stata istruita per non intervenire. "Questo carico di esseri umani ve lo portate in Olanda, fate il giro un po' largo", ha detto su Facebook il ministro dell'Interno Matteo Salvini. "Vi terrò aggiornati sugli sviluppi, ma di certo vi anticipo che il diritto del mare non permette la navigazione a navi non regolari", dice ancora il ministro. "Soprattutto quando si parla di vite umane". "La nostra guardia costiera ha scritto dicendogli 'non muovetevi, ci pensano i libici', stesso messaggio arrivato dai libici e cosa hanno fatto questi disgraziati?" Per questo, ha sottolineato Toninelli, l'Italia ha deciso di "avviare un'indagine di bandiera" e "se non si avrà corrispondenza" tra il vessillo battuto e quello effettivo "la conseguenza sarà il sequestro della nave".

Toninelli ha ripetuto più volte che la Lifeline può trasportare soltanto 50 persone, e non è attrezzata per il trasporto dei 224 migranti: in un comunicato diffuso giovedì pomeriggio, però, Lifeline aveva risposto di essere l'unica nave attrezzata nel tratto di mare in cui sono avvenuti i soccorsi, a differenza "della cosiddetta guardia costiera libica".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE