Salvini alla nave Ong in acque libiche: "L'Italia la vedete in cartolina"

Bruno Cirelli
Giugno 21, 2018

L'imbarcazione trasporta attualmente circa 400 persone, salvate nelle ultime ore dalla ong che ha lanciato l'appello alla Guardia costiera: "Serve il sostegno di navi della Guardia costiera italiana o mercantili", recita il messaggio postato su Twitter. "Ci aspettiamo - dicono dalla ong - comportamento professionale e che le forze libiche rispettino la legge internazionale" (LO SPECIALE MIGRANTI). "Questa nave l'Italia la vede solo in cartolina perché le regole se ci sono vanno rispettate e non si mettono a rischio le vite umane e vi portate il carico in olanda". Ma questi disgraziati, anche mettendo a rischio la vita dei migranti su quei gommoni, non ha ascoltato le autorità libiche e italiane ed è forzosamente intervenuta per caricare il prezioso quantitativo di carne umana a bordo. Per ora si è mossa una motovedetta da Tripoli che sta intervenendo.

"Non stanno collaborando con la guardia costiera Libica - incalza il ministro - che, dalle prime informazioni acquisite, stava intervenendo per salvare i migranti e riportarli su suolo libico". Per questi motivi sono costretto a chiedere alla Guardia Costiera italiana di avviare un'indagine di bandiera per verificare l'effettiva corrispondenza tra il vessillo battuto dalla nave e l'appartenenza a quella stessa nazionalità. Non abbiamo nulla contro le ong ma siamo e continuiamo ad essere per il rispetto della legalità. "Vi terrò aggiornati sugli sviluppi, ma di certo vi anticipo che il diritto del mare non permette la navigazione a navi non regolari", conclude il ministro.

"A ciò va aggiunto che ad oggi non abbiamo ancora riscontri sull'effettiva appartenenza all'Olanda della nave ong Lifeline, come anche della Seefuchs, che pure batte bandiera dei Paesi Bassi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE