US Open, la vittoria è ancora di Koepka

Rufina Vignone
Giugno 20, 2018

Dalla quasi eliminazione alla gloria. Che al termine della gara ha avuto il privilegio d'intervistare Koepka, il settimo giocatore della storia del golf a centrare la doppietta nel torneo. Per il golfista statunitense si tratta del secondo successo consecutivo nel major americano. "Sono un giocatore conservatore e su un campo difficile come questo è una tattica che paga", ha detto il vincitore, che era partito alla vigilia dell'ultimo giro a +3, insiema a Dustin Johnson, Finau e Berger, ha dovuto lottare sino alla fine con uno scatenato Fleetwood, che ha chiuso a +2 (282) grazie a uno straordinario giro da 63 colpi (eguagliato il record del giro più basso del torneo). Niente da fare per il leader mondiale, disastroso col putt. "Non ho giocato al top delle mie possibilità - ammette il piemontese - e sono rammaricato per i due putt sbagliati nel finale. Poi dovrò decidere se giocare l'Hina Open de France o il Quickens Loans National di Washington".

Matt Parziale, 31enne vigile del fuoco della Ladder Company 1 di Brockton, ha ottenuto lo stesso punteggio di Mickelson e ha condivido la prima posizione tra i dilettanti con Luis Gagne, che lo ha affiancato.

Con questa vittoria Koepka si aggiudica l'assegno da 2.160.000 dollari su un montepremi di 12.000.000, il terzo titolo in carriera e la quarta posizione nel world ranking. Allo Shinnecock Hills GC di Southampton (New York) medaglia di bronzo per Dustin Johnson (+3), che dopo aver dominato la gara nelle prime due manche d'apertura nel penultimo atto del torneo ha gettato al vento una vittoria che sembrava certa. Da parte di un giocatore stellare che è stato costretto a saltare la prima parte della stagione per un grave infortunio al polso che lo ha portato anche ad operarsi.

"In realtà la chiave del successo è in quei salvataggi del par nelle prime buche di rientro, che mi hanno permesso di rimanere sempre avanti a Fleetwood, di tenere duro e non avere cedimenti morali". "Il mio ringraziamento va agli addetti ai lavori e ai tifosi, molto rumorosi ma davvero incredibili".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE