Elon Musk ai dipendenti Tesla: 'C'è un sabotatore tra noi'

Paterniano Del Favero
Giugno 19, 2018

Ritardi nella produzione, un veicolo in fiamme, licenziamenti e 5 mila auto da produrre entro giugno.

Il dipendente è stato immediatamente sottoposto ad interrogatorio da parte dei dirigenti, ma Musk ha sottolineato che sta continuando ad indagare per capire se il dipendente interessato stesse lavorando con altri.

C'è un sabotatore in Tesla, che sta provocando gravi danni all'azienda. L'ultimo capitolo della storia risale a lunedì quando sulla stampa statunitense emerge una lettera interna scritta da Musk che accusa un proprio impiegato di "un'azione di sabotaggio piuttosto estesa e compromettente". "Tuttavia, potrebbe esserci di più in questa situazione di quanto non sembri, quindi le indagini proseguiranno in profondità questa settimana", ha aggiunto Musk.

Nella sua missiva Musk ha parlato esplicitamente di "sabotaggi vasti e dannosi", attuati, tra l'altro, con modifiche al codice per il sistema operativo della società, con nomi utente falsi con "l'esportazione di grandi quantità di dati Tesla altamente sensibili a terzi sconosciuti". Gina Antonini, portavoce di Tesla, non ha voluto commentare ulteriormente, limitandosi ad aggiungere che Musk avrebbe appreso di questo sabotatore nel weekend. "Potrebbe essere solo un evento casuale, ma come ha detto il co-fondatore di Intel, Andy Grove, "Solo il paranoico sopravvive ", ha scritto Musk, sollecitando i suoi a "stare in allerta" e a segnalare eventuali sospetti.

Insomma, nuovi grattacapi per l'azienda automobilistica californiana che sta attualmente affrontando problemi nella produzione della sua vettura Model 3. La produzione del Model 3 è iniziata a metà dello scorso anno.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE