No celle frigorifere: corpi lasciati in mare

Bruno Cirelli
Giugno 17, 2018

Roma, 14 giu. (askanews) - Non ci sono celle frigorifere a bordo e l'equipaggio della nave della Marina militare americana Trenton, che incrocia nel Mediterraneo, ha dovuto abbandonare 12 cadaveri di migranti direttamente in acqua. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, - Ladyblitz clicca qui -Cronaca Oggi, App on Google Play] Martedì 12 giugno la nave militare Us Navy Trenton per la prima volta è intervenuta in un'operazione di soccorso in quello che si sta rivelando uno dei maggiori cimiteri a cielo aperto del mondo. La Us Navy, ha confermato al quotidiano che "non ci sono cadaveri a bordo" per mancanza di celle frigorifere. Subito dopo il soccorso, dopo aver chiamato le guardie costiere libica e italiana, la nave americana si è rivolta alla Sea watch, comunicando che è in corso il recupero dei corpi e chiede la disponibilità al trasbordo.

Dodici corpi sono stati lasciati alla deriva in quella enorme tomba che è diventato il Mediterraneo centrale. "E i superstiti li prendiamo solo se ci assegnano contestualmente un porto sicuro che non sia più lontano di 36 ore di navigazione".

Intanto a bordo l'equipaggio continua a prendersi cura delle 40 persone soccorse, in attesa di decidere la loro destinazione dopo aver raggiunto accordi con i partner internazionali.

Sea Watch e Trenton hanno passato la notte tra martedì e mercoledì appaiate e ieri la Ong ha ripreso, vuota, il pattugliamento della zona mentre la nave americana, con i superstiti a bordo, è ancora in mare.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE