Frosinone promosso, ironia social con l'Inter: "Speriamo di beccarvi stanchi"

Rufina Vignone
Giugno 17, 2018

Il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul match andato in scena ieri contro il Frosinone. Al patron rosanero non sono andati giù diversi episodi della gara che ha assegnato l'ultimo posto per la Serie A. Dal rigore negato all'invasione di campo, passando per i palloni lanciati in campo dai ciociari.

"E' stato un incontro illegale - insite -". "Abbiamo incaricato i nostri legali per fare ricorso, supportato da tutte le prove".

Il Frosinone è la terza squadra del campionato di Serie B che raggiunge il traguardo della promozione in Serie A dopo Empoli e Parma.

Il dirigente rosanero ha anche preso di mira le parole sul bilancio degli isolani da parte di Moreno Longo (mister dei neopromossi). "Non le ho sentite - prosegue - ho parlato con Giammarva che ha puntualizzato su questo fatto". Io credo che larbitro abbia cambiato la decisione sul rigore perché assediato e intimidito da tutta la squadra avversaria a tal punto da non sanzionare col cartellino rosso chi ha dato la testata a Nestorovski davanti ai suoi occhi. Da quel momento l'arbitro ha perso la trebisonda e noi faremo gli atti necessari per avere giustizia. "E' veramente avvilente vedere gente che dopo un comportamento squallido e antisportivo continua a tirare fango. Questo denota le qualità delle persone, sia del presidente Stirpe che del tecnico Longo". Ma il danno ormai è stato fatto e la prima versione inizia a circolare accendendo ancora di più gli animi dei tifosi del Palermo e, c'è da scommetterlo, anche di qualcuno fra i dirigenti della società di viale del Fante. Mi auguro che gli enti competenti e il nuovo ministro delle Sport, in cui credo moltissimo, prendano i provvedimenti per aprire un'inchiesta.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE