Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, protocollo d'intesa tra Avis e Anci

Barsaba Taglieri
Giugno 14, 2018

Se guardiamo il numero di donazioni, nel 2017 ne sono state effettuate 3.006.726, trentamila in meno rispetto all'anno precedente.

PERUGIA - "Be there for someone else". Give blood, share life", in italiano: "Sii disponibile per qualcun altro. Numeri che sono fornite dall'edizione online del quotidiano Il Giornale, che riporta i dati raccolti dal Centro nazionale Sangue (Cns), esternati a Roma negli scorsi giorni in occasione della Giornata mondiale del donatore di domani. Questo lo slogan scelto dall'Organizzazione mondiale della sanità per l'edizione 2018. I donatori lo scorso anno sono stati poco più di un milione e 680.000, in calo di 8.000 unità rispetto al 2016, di cui 304.000 nuovi.

Tra coloro che hanno donato il sangue nel 2017, il 31% è di sesso femminile, mentre la fascia di età più rappresentata è quella tra i 46 e i 55 anni con il 29% dei volontari.

Le Associazioni si impegneranno ad adottare tutte le iniziative necessarie, affinché la Regione Umbria, le Direzioni Generali delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, con il previsto coinvolgimento dell'Associazione dei donatori, riservino le necessarie risorse, garantendo tutte le condizioni di adeguatezza, efficienza e sicurezza dei Punti di Raccolta del sangue così da consentire la raccolta di tutte le disponibilità offerte dai donatori volontari e periodici associati.

- Sono 112,5 i milioni di donazioni di sangue effettuate ogni anno a livello globale. Quasi il 50 per cento di queste avviene nei Paesi sviluppati, dove si concentra solo il 15 per cento del totale della popolazione mondiale (fonti OMS).

- Nelle aree in via di sviluppo, fino al 65% delle trasfusioni di sangue viene somministrato a bambini di età inferiore ai 5 anni. "Viva il Donatore di Sangue".

Con l'iniziativa odierna ci vengono ricordate anche due innovazioni appena introdotte e che potrebbero aiutare le Regioni a far fronte alle carenze "periodiche" che si verificano nei mesi estivi e in quelli di picco dell'influenza. Il ministero della Salute ha inserito per la prima volta i donatori di sangue tra le categorie per cui è possibile offrire gratuitamente il vaccino antinfluenzale. Storico presidente dell'Avis di Reggio Calabria, la prima articolazione territoriale dell'associazione nazionale nata in questa regione e fondata nel 1954, Enzo Romeo fu anche il fondatore in Calabria dell'Aido (Associazione italiana Donatori di Organi) e, con Paolo Marcianò e Tania Franco, pure del Gruppo Avis Donatrici di Cordone Ombelicale (Gadco).

Infatti, se è vero che la Calabria vanta l'autosufficienza di sangue intero ormai dal 2006, la stessa non può considerarsi consolidata perché il raggiungimento di tale risultato richiede costante attività e continuo monitoraggio dell'andamento delle raccolte.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE