Trump attacca Trudeau e ritira la firma dall'accordo

Bruno Cirelli
Giugno 10, 2018

E' la dura accusa lanciata dal ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, all'indomani della conclusione del summit in Canada, finito nel caos dopo la decisione dell'inquilino della Casa Bianca di ritirarsi dal documento finale. La loro funzione è prettamente politica, però siccome la loro redazione è quasi scontata, in questo caso l'assenza assume significato. "L'Europa unita e' la risposta ad America First", ha aggiunto.

La questione commerciale, base pratica delle spaccature (anche se è in generale l'approccio al mondo a dividere Regno Unito, Germania, Francia, Canada, Giappone, e un po' Italia, da Trump) è complicata. "Fara' un gran lavoro, gli italiani hanno fatto bene!".

"Sono d'accordo con il Presidente Donald Trump: la Russia dovrebbe rientrare nel G8". Si tratta praticamente dell'unico commento positivo del presidente degli Usa al G7 canadese.

Durante il suo primo anno da presidente, Trump ha attaccato duramente Kim a causa dei vari test sui missili balistici effettuati dalla Corea del Nord, che violavano i divieti internazionali.

G7: Conte, con Usa rapporti strategici.

Kim è atterrato allo Changi Airport con due giorni di anticipo sul summit con Trump, hanno riferito la tv ChannelNewsAsia e il quotidiano Straits Times, con l'aereo cinese che questa mattina è stato "tracciato" da Flightradar24, sito specializzato nella rilevazione e nel monitoraggio delle rotte aeree, rafforzando le voci della vigilia secondo cui il leader aveva preferito un aereo più nuovo e affidabile rispetto agli Ilyushin di fabbricazione sovietica. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nella conferenza stampa al termine del G7 in Canada, a Charlevoix. "Mantenere buone relazioni con gli Usa e andare in conflitto con i partner europei e' una paura che possiamo accantonare", ha aggiunto. Il G7, il gruppo dei grandi paesi che da quando nel 2014 è stata esplulsa la Russia per i fatti in Ucraina, dovrebbe rappresentare il distillato dell'Occidente, è spaccato (la CNN ha dato l'immagine: "L'Occidente è in crisi" titola un servizio). Molto disonesto e debole. Un segnale studiato apposta per sottolineare la scarsa considerazione del presidente americano per gli alleati, già colpiti dall'aumento unilaterale delle tariffe doganali su alluminio e acciaio.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE