Farmaci in valigia? Ecco l’elenco dei medicinali inglesi vietati all’estero

Barsaba Taglieri
Giugno 10, 2018

Attenzione a portare farmaci di uso comune in vacanza all'estero, occorre documentarsi dettagliatamente perché esistono nazioni nelle quali certe medicine sono considerate sostanze illegali.il rischio è di cadere in fallo e infrangere le leggi locali.

In Giappone, ad esempio, è illegale la pseudoefedrina, che da noi viene commercializzata come decongestionante nasale e di solito è un farmaco da banco. Il Foreign Office ha compilato un elenco di medicinali vietati in diversi paesi all'estero, pubblicato dal Daily Mail. Il Fco raccomanda dunque di contattare l'ambasciata, l'alta commissione o il consolato del Paese in cui si reca per un consiglio sullo stato legale di determinati farmaci. A lanciare l'allerta è il Foreign and Commonwealth Office (Fco): bisogna sempre verificare che, nel Paese dove ci si reca, alcune medicine comunemente prescritte non rientrino negli elenchi dei "farmaci controllati". Diazepam, Tramadol, codeina e un certo numero di altri farmaci comunemente prescritti sono anch'essi considerati "farmaci controllati". Anche India, Pakistan e Turchia hanno una lista di farmaci non ammessi.

In alcuni Stati del Sudamerica, come il Costa Rica, le medicine portate dai turisti sono tollerate solo se la dose copre l'esatta durata della vacanza e i turisti devono avere con sé la richiesta del medico curante.

Secondo un'indagine condotta su 2.000 adulti nel Regno Unito, riporta la Bbc News on line, solo il 33% chiederebbe consigli sulle regole relative ai farmaci prima di partire. Ma quasi la metà della popolazione britannica utilizza medicinali, il che significa che circa 21 milioni di persone potrebbero rischiare di incontrare difficoltà, solo fra i viaggiatori inglesi.

Sonniferi, compresse ansiolitiche e forti antidolorifici, a Singapore sono tutti soggetti a prescrizione, mentre in Indonesia sono addirittura illegali farmaci come codeina, sonniferi e trattamenti per l'Adhd, il disturbo da deficit d'attenzione e iperattività.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE