F1 | La FIA presenta il casco del futuro

Rufina Vignone
Giugno 9, 2018

La FIA ha rivelato un nuovo casco standard che sarà obbligatorio in Formula 1 dalla stagione 2019: l'ultimo standard offrirà una maggiore sicurezza poiché includerà una protezione balistica avanzata e un maggiore assorbimento di energia. Il modello, che dovrà essere la base per tutti i costruttori di caschi dei piloti di F1, sarà poi introdotto anche nelle categorie minori.

"Gli attuali caschi di altissima gamma sono già i più sicuri al mondo ma i nuovi standard li porteranno al livello successivo. E' importante che il reparto ricerca e sicurezza continuino sempre a migliorare e questo è il motivo per cui stiamo chiedendo a tutti i produttori di caschi di soddisfare questi nuovi standard, necessari per competere nei nostri campionati" ha spiegato il direttore del reparto sicurezza della FIA, Laurent Mekies.

Impatto a bassa velocità: impatto del casco a 6 m / s. La decelerazione di picco non deve superare i 200G con una media massima di 180g.

Protezione balistica avanzata: un proiettile di metallo di 225g sparato a 250km/h. La decelerazione di picco non deve superare 275G.

Crush: con un peso di 10 kg che cade di 5,1 metri sul casco la forza trasmessa non deve superare i 10 kN. Test laterale e longitudinale.

Penetrazione dello scudo: un oggetto di 4kg cade sul casco a 7,7m/s.

Penetrazione della visiera: il fucile ad aria compressa spara 1,2 g sulla visiera. La superficie di copertura deve essere sottoposta a un test per la resistenza alla penetrazione.

Le aree di protezione del casco sono state estese anche ai lati del casco, per via della posizione dei piloti all'interno degli abitacoli.

La visiera: la visiera deve garantire la giusta colorazione e la giusta visuale ai piloti, senza alterare in maniera significativa ciò che questi devono vedere.

- Impatto lineare della mentoniera: test di impatto con testa piena a 5,5 m / s. La decelerazione di picco non deve superare 275G.

Sistema di ritenzione: test roll-off e test dinamico per garantire la robustezza della mentoniera e dei suoi accessori.

- Proiezione e attrito superficiale: test per garantire l'uniformità della superficie del casco e ridurre al minimo l'attrito.

- Resistenza meccanica FHR: test per garantire un'elevata resistenza dei punti di attacco per i sistemi di ritenuta frontale. Per ottenere la certificazione di idoneità, il casco dovrà superare l'esposizione ad un incendio con temperatura di 790 gradi: una volta rimosse le fiamme tramite l'ausilio degli estintori in dotazione al personale di pista, il fuoco dovrà auto-estinguersi, evitando di provocare ulteriori danni al pilota.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE