Francia, cellulari vietati nelle scuole: rivoluzione in medie ed elementari

Bruno Cirelli
Giugno 8, 2018

Il parlamento francese ha approvato la legge proposta dalla maggioranza di governo che introduce il divieto di usare telefoni cellulari nelle scuole elementari e medie dall'inizio del prossimo anno scolastico.

L'esecutivo, ovviamente soddisfatto per la positiva conclusione dell'iter, ha affermato che l'approvazione della normativa "è un segnale lanciato alla società". La proposta ha ottenuto i voti di Le Republique en Marche (LREM) di Macron e i centristi di MoDemo, oltre ai liberali di UDI-Agir. La misura, che Macron aveva promesso durante la campagna elettorale, è destinata ad avere un effetto su tutte le famiglie francesi, dal momento che, secondo dati relativi al 2016 riportati dal sito di Le Figaro, il 93% dei ragazzi tra i 12 ed i 17 anni hanno un telefono portatile. Lo scorso settembre scorso, il ministro dell'Istruzione, Jean-Michel Blanquer, citò ad esempio le riunioni del consiglio dei ministri all'Eliseo, da cui i telefoni cellulari sono stati banditi, con l'obbligo per i ministri di lasciarli in un apposito scaffale all'ingresso. Attualmente, metà delle scuole francesi ha comunque già vietato l'uso del cellulare nel regolamento interno, in alcuni casi, in tutta l'area scolastica, in altri soltanto in classe.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE