Tragedia a Prato: l'attaccante Zini uccide la compagna e poi si suicida

Rufina Vignone
Mag 27, 2018

L'autore dell'omicidio-suicidio che questa mattina ha scosso la comunità di San Miniato, in provincia di Pisa, è Federico Zini, calciatore 25enne del Tuttocuoio, società con sede a Ponte a Egola (provincia di Pisa) militante nel campionato di Serie D. La donna che ha perso la vita è Elisa Amato, 30 anni. I corpi sono stati trovati poco dopo le 9 del mattino in un parcheggio a San Miniato (Pisa) dove l'uomo abitava. Secondo le prime ricostruzioni, il tutto è avvenuto alle 3.30 di venerdì: Zini a seguito di un litigio avvenuto a Galciana, una frazione di Prato, ha ucciso la donna che da tempo provava a riconquistare e poi s'è tolto la vita.

Elisa, residente a Prato, era commessa in un negozio di moda a Firenze. Al momento non risulta che tra i due, dopo la fine della relazione, ci fossero stati litigi. Più volte il 25enne avrebbe provato a riavvicinarsi senza riuscire nel suo intento. Non risulterebbero denunce da parte della 30enne. Zini, cresciuto nel settore giovanile dell'Empoli, ha poi avuto diverse esperienze in Serie D, in Lega Pro e all'estero, precisamente a Malta con il Msida, Bulgaria con il Botev Vrasta, nelle Filippine il Ceres-Negros e in Mongolia con l'Ulaanbaatar. Zini, spesso coinvolto in iniziative benefiche, nell'ultima stagione aveva ottenuto la salvezza nel girone D di Serie D con la maglia del Tuttocuoio. "Da oggi siamo ufficialmente in ferie".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE