Spalletti: "Vogliamo essere ambiziosi. Cancelo non rimane"

Rufina Vignone
Mag 27, 2018

"La forza della squadra che affrontavamo rende ancora più importante il nostro traguardo". Dico due cose anche su questo finale di campionato combattuto dove si è vista la partecipazione di un pubblico numerosissimo vestito di tutti i colori.

Un pensiero per Ancelotti , tornato in Italia: "Il Napoli avrebbe meritato di vincere il premio del gioco migliore espresso durante la stagione, sono felice che Carlo sia tornato ad allenare in Serie A. Non vedo l'ora di sedermi affianco a lui in futuro".

"Il momento più bello l'ultima partita, il peggiore la sconfitta con la Juve, per come è maturata in quei pochi istanti". Avrei voluto non vivere quanto successo alla famiglia Astori. "Dobbiamo essere ambiziosi, desiderosi di migliorare". Bisogna lavorare bene ed essere bravi perchè l'anno scorso all'inizio abbiamo sbagliato qualcosa. L'allenatore ha saputo tirare fuori dalle sabbie mobili la squadra quando si è impantanata dalla metà di dicembre in avanti. Adesso però bisogna rendere conto ai paletti del settlement agreement, firmato dalla proprietà precedente. La programmazione, a livello societario, è imprescindibile se si vuole costruire un progetto vincente che duri negli anni.

A proposito di buoni giocatori, Spalletti svela: "In questo momento Cancelo e Rafinha non si possono riscattare". Altrimenti si spande e si spende con battute e risate, ma non è la realtà. Barella è un buon calciatore, Nainggolan anche (ride, ndr). Lautaro Martinez (arrivato oggi a Milano)? "Io ho il contratto fino all'anno prossimo, qual è la fretta di rinnovare?". Tutti i tifosi dell'Inter nel mondo, tutti gli appassionati di calcio stavano aspettando di vedere l'ultimo match.

Aveva detto che Skriniar aveva detto di voler l'Inter in maniera particolare... Se mi accreditate di aver sottoscritto l'obiettivo non è così. Se lui andasse via mi dispiacerebbe molto, perché è un ragazzo con grande integrità fisica, con educazione, con moralità, qualità di calciatore e personalità. Probabilmente ci sono delle cose poi che sono avvenute che si possono fare anche un po' meglio.

Sui momenti top della stagione: "Sono stati tanti". Prossima stagione? Bisogna stare lì, poi è chiaro che vogliamo avvicinarci agli altri. Si è detto facciamo un mercato, e se ne è fatto un altro. Loro sono le fondamenta e noi le abbiamo importanti.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE