Pd. Martina: "Penso che il nostro congresso vada anticipato"

Bruno Cirelli
Mag 18, 2018

Ci riderebbero dietro. Mi auguro quindi un clima responsabile, una sintesi che possa portare tutti a cogliere il momento drammatico che si sta vivendo. "No, non l'ho mai pensato - ha detto Martina ai microfoni di RaiNews24 - non lo penso nemmeno oggi".

L'ex segretario è convinto di avere dalla sua 100 voti in più, mentre il reggente Martina va propagandando un 50 e 50. Quel che è certo è che nessuno vuole sfogliare la margherita e la trattativa va avanti con il metodo del dialogo. E ancora: "Non possiamo non avere un segretario pienamente legittimato che ci porti al Congresso in tempi rapidi". Nel momento in cui M5S e Lega - questa la tesi - stanno mettendo nero su bianco proposte che mettono a repentaglio il nostro Paese, e' doveroso evitare di parlare delle diatribe interne e puntare invece alle proposte da avanzare per il futuro dell'Italia.

E comunque, sottolinea Orlando invitando a trovare una sintesi, "sarebbe davvero strampalato che il Pd sabato si dividesse in assemblea su chi deve fare il segretario per qualche mese" fino al congresso. Penso che debba rappresentare un momento fondamentale anche per un'analisi di quello che è accaduto e per il rilancio del nostro progetto dopo la pesante sconfitta. E' vero che nel caso il passo è agevole, dalla sede del Pd a piazza d'Armi si tratta semplicemente di attraversare la strada, ma il ricorso alla giustizia per verificare la legittimità di un congresso è un fatto piuttosto grave, che certifica il fallimento della capacità politica dei propri dirigenti.

Roma, 17 mag. (AdnKronos) - "La proposta Martina a me sembra ragionevole e condivisibile". L'idea di un accordo con Martina non viene scartata, ma ci sono delle condizioni che vengono poste: deve essere indicata chiaramente la data del congresso e della decadenza di Martina, che dovrebbe anche impegnarsi a non correre alle primarie.

Se entro sabato non si raggiungerà un punto di caduta comune nel partito, in assemblea si confronteranno due linee, quella di Martina e quella renziana.

Si vedrà, il messaggio che passa intanto è di un partito del tutto sfilacciato, che però solo una settimana fa ha promesso l'appoggio incondizionato e totale al candidato a sindaco Nello Pizza.

Negli scorsi giorni il presidente del Pd Matteo Orfini ha spiegato che "l'assemblea o elegge il nuovo segretario o decide di convocare il congresso".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE