Napoli: nessun assalto all'ambulanza della Croce Rossa, è stato un incidente

Barsaba Taglieri
Mag 18, 2018

Napoli. Nessun assalto all'ambulanza, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris pretende le scuse dei medici, ma nel frattempo la polizia trasmette un'informativa di reato alla magistratura. Le indagini stanno cercando di stabilire come sia stata causata la rottura del vetro e da chi.

"Bisogna stare attenti - sottolinea de Magistris - una frase del genere è andata in apertura sui principali tg del Paese. Per cui ci aspetteremmo, sarebbe un gesto di onestà intellettuale, che una volta accertata la verità sui fatti dell'ambulanza si chieda scusa non a de Magistris ma alla città".

"E' stata una frase infelice - conclude il sindaco partenopeo - ma dopo che abbiamo la certezza che non è stata un'aggressione, chi rappresenta una certa categoria per evitare di trascinarla in una frase infelice, ci attendiamo si scusi". E' amareggiato il presidente provinciale della Croce Rossa, Paolo Monorchio, la cui ambulanza, in servizio per il 118, lo scorso 12 maggio è stata coinvolta in un incidente che in un primo momento è apparso come un'aggressione. L'evento, che si pensava fosse stato provocato dal lancio di un paletto di ferro, non sarebbe di origine dolosa. L'episodio aveva fatto andare su tutte le furie il presidente dell'Ordine dei Medici di Napoli Silverio Scotti, che aveva paragonato la città a Raqqa per le numerose aggressioni al personale medico che si verificano in città, sia sui mezzi di soccorso che nei presidi ospedalieri.

Secondo quanto emerso, invece, sarebbe stato un semplice caso fortuito: forse per abbreviare il percorso e arrivare prima possibile in ospedale - il paziente a bordo era grave - l'ambulanza ha "tagliato" la parte centrale della piazza, una zona pedonalizzata delimitata da pali e funi.

Ha destato non poco scalpore la vicenda del mezzo del 118 aggredito, secondo il racconto degli operatori sanitari, in piazza degli Artisti a Napoli. "Se ci si divide daremo la possibilità a quei pochi che si comportano male di continuare a farlo".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE