ROMA. Domani in Cassazione il marito di Elena Ceste

Bruno Cirelli
Mag 17, 2018

Quella definitiva. L'ex vigile del fuoco di Costigliole d'Asti è accusato d'aver ucciso la moglie, Elena Ceste, il 24 gennaio 2014. La coppia stava vivendo un periodo di crisi. La difesa di Buonincontri nel ricorso in Cassazione sostiene, tra l'altro, che Elena Ceste potrebbe essere morta accidentalmente, per ipotermia, dopo essere caduta mentre vagava in stato confusionale nella campagna.

Per i giudici, invece, la vittima venne strangolata dal marito perchè lei voleva lasciarlo. Secondo l'accusa, l'uomo ha strangolato la moglie e il movente del delitto sarebbe l'infedelta' coniugale di Elena. Oggi la Corte di Cassazione si pronuncerà sulla condanna a trent'anni di carcere emessa con durante il procedimento con rito abbreviato.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE